MEDINE. Voci e storie dal Mediterraneo

Medine è una porta che il Caffè dei giornalisti apre sulla cultura, la letteratura, la saggistica, la scrittura nel Mediterraneo. Ogni puntata è dedicata a un autore che ci accompagnerà, con una sua pagina, alla scoperta del mondo che si affaccia sul Mare Nostro. E ci racconterà il Mediterraneo, come lo ha visto e vissuto.

Incontro. Come la parola Curiosità. Come la parola Straniero. Come la parola Altro. Come la parola Inquietante come la parola Diverso. Destabilizzante. La parola Incontro include tutte queste parole perché Incontro richiede di andare oltre. L’incontro è scomodo poiché non incontriamo che ciò che ci è estraneo. Sconosciuto. L’incontro non è ritrovarsi e non si ritrova altro se non ciò …
Read More

La querelle tra l’autorità antitrust francese e Google affinché il gigante americano paghi agli editori quanto dovuto per la condivisione dei loro contenuti online sembra essere finalmente in via di risoluzione, con una novità che potrebbe essere rivoluzionaria anche per l’Italia. L’Antitrust di Oltralpe, guidata da Isabelle de Silva, ha infatti ordinato a Google di “intraprendere, entro tre mesi, i …
Alberto Infelise

Alberto Infelise, torinese di Santa Rita, è cresciuto davanti allo stadio. La passione per il pallone lo ha portato in prima categoria nel Gargallo; quella per il giornalismo, dal 2010, alla Stampa, di cui è caporedattore. Un viaggio partito e tornato a Torino, passato per tappe inconsuete. «A metà del liceo mi trasferii a Borgomanero per seguire il lavoro di mio …

In un intervento sul sito del Reuters Institute, il direttore e docente a Oxford di comunicazione politica Rasmus Nielsen ha spiegato quali potrebbero essere le conseguenze, sul breve e sul lungo termine, dell’emergenza pandemica  sul mondo dei media. «Se è vero che le conseguenze del coronavirus potrebbero prolungarsi anche per 18 mesi o anche più», ha scritto, «e sia i …

Cinque aree di crisi e una pandemia mondiale. Gli elementi chiave della nuova edizione dell’Indice mondiale della libertà di stampa di Reporter senza Frontiere non possono prescindere dall’emergenza sanitaria che sta fermando il mondo. E che, inevitabilmente, ha numerose ripercussioni anche sul mondo dell’informazione.  «Stiamo entrando in un decennio decisivo per il giornalismo – ha dichiarato il segretario generale della RSF, …

Come impedire alla disinformazione di diffondersi quanto la pandemia? Reporter senza frontiere (RSF) ha lanciato Tracker 19: uno strumento per monitorare una crisi globale senza precedenti, per valutare gli impatti del coronavirus sul giornalismo e offrire consigli su come difendere il diritto all’informazione. Molti governi hanno iniziato ad approfittare della crisi sanitaria per rosicchiare, qua e là, le libertà di …

Esiste un posto dove la libertà di stampa vince sulla censura dei regimi più oscurantisti, un posto in cui è possibile leggere articoli altrove censurati, da Jamal Khashoggi a Yulia Berezovskaia, dal vietnamita Nguyen Van Dai al messicano Javier Valdez fino al portale egiziano Mada Masr. Un posto frequentato da una comunità di oltre 145 milioni di persone. Questo posto …
La mostra a Mocha Hunters

Si è spento rapidamente il bagliore di speranza che si era acceso nello Yemen due settimane fa, quando l’Arabia Saudita aveva annunciato un cessate il fuoco unilaterale per contrastare il Coronavirus. Ci voleva, è vero, parecchio ottimismo della volontà, per far tacere il pessimismo della ragione che indicava nelle difficoltà riscontrate sul campo di battaglia dei sauditi, più che nelle …
Ahmet Altan

Il Coronavirus non è una “livella”, come direbbe Totò, anzi. Oramai ce ne siamo accorti (quasi) tutti: la retorica che ci vuole uguali di fronte alla pandemia è consolatoria, ma bugiarda. Il COVID-19 moltiplica e approfondisce le differenze sociali, economiche, geografiche e anche politiche, oltre a quelle generazionali, su scala globale e in ogni piccola comunità. E colpisce di più …

I bambini neozelandesi possono dormire sereni. Il coniglietto che porta le uova di cioccolato svolge “funzioni essenziali”, ha fatto sapere il premier Jacinda Arden, e quindi domenica sarà autorizzato a uscire dalla sua tana per lavorare. Nel caso non dovesse farcela ad arrivare in ogni casa (probabile che il coniglietto debba occuparsi anche della sua famiglia, sottolinea il premier), i …
Manolis Glezos

Quando gli italiani sbarcano con il proposito di “spezzare le reni alla Grecia” (Mussolini dixit), Manolis prova subito ad arruolarsi per combattere l’invasore. Non lo fanno partire. È il 28 ottobre 1940, Manolis (classe 1922), ha appena compiuto diciotto anni. È troppo giovane, anche se sui banchi di scuola ha già fondato il suo primo gruppuscolo antifascista. A Rafael (classe …

APPROFONDIMENTI


VOCI SCOMODE Storie di chi sfida il potere

  • Il Cameo (54) – Lina Attalah e i giornalisti egiziani in manette: come si censura la libertà
    by Redazione on 29 Maggio 2020 at 07:58

    Si chiamano Sameh Haneen e Shimaa Samy e sono due freelance egiziani, che hanno perso la libertà perché invisi al governo. Haneen è un giornalista e documentarista, che lo scorso 16 maggio è stato prelevato dalla sua abitazione e portato in prigione dalla polizia. Il procuratore nazionale del Cairo lo ha accusato di diffondere notizie false, L'articolo Il Cameo (54) – Lina Attalah e i giornalisti egiziani in manette: come si censura la libertà proviene da VOCI SCOMODE.

  • Il Cameo (53) – Hasan Mahgoub: quando la polizia suona alla porta di un reporter
    by Redazione on 19 Maggio 2020 at 06:14

    Haisam Hasan Mahgoub è un giornalista egiziano. Il giorno 11 maggio 2020 è stato arrestato dalla polizia di Stato nella sua abitazione del Cairo, località Dar el-Salam. Mahgoub è un giovane fotoreporter locale di Al-Masry al-Youm (L’Egiziano oggi), un quotidiano egiziano dalla tiratura molto ampia (250.000 copie) fondato nel 2004 e noto per posizioni liberiste L'articolo Il Cameo (53) – Hasan Mahgoub: quando la polizia suona alla porta di un reporter proviene da VOCI SCOMODE.

  • Il Cameo (52) – Fatih Portakal: tre anni di galera per un tweet ironico
    by Redazione on 5 Maggio 2020 at 06:00

    Il giornalista di Istanbul Fatih Portakal, volto noto dell’emittente privata Fox Tv Turchia, è solo l’ultima vittima delle, per così dire, attenzioni zelanti del governo turco nei confronti dei giornalisti. La sua vicenda è per certi versi nota, somigliando a quella che lo accomuna a molti altri suoi colleghi. Il presidente Recep Tayyip Erdoğan e L'articolo Il Cameo (52) – Fatih Portakal: tre anni di galera per un tweet ironico proviene da VOCI SCOMODE.

SHARE

Home