Home»Professione giornalista»Progetto Stars4Media: i media europei fanno rete con i giovani

Progetto Stars4Media: i media europei fanno rete con i giovani

0
Shares
Pinterest Google+

La EFJ, acronimo di Federazione europea dei giornalisti (rappresenta 72 enti in 45 Paesi, per un totale di 320.000 giornalisti) ha lanciato una bella iniziativa in collaborazione con la Libera Università di Bruxelles (Vub), la Fondazione Euractiv e l’associazione Wan-Ifra. Il progetto, che sarà cofinanziato dall’Unione Europea, si rivolge a giovani professionisti dell’informazione e prende il nome di Stars4Media. Si tratta di un programma di scambio e di formazione professionale dedicato a professionisti che abbiano maturato un minimo di 2 e un massimo di 10 anni nel campo del giornalismo oppure della grafica, dei social media, del marketing e che desiderino prestare la loro opera per un media partner europeo. La durata del periodo di collaborazione sarà tra le 4 e le 12 settimane.

Stars4Media si concentrerà sull’approfondimento di due tematiche principali, particolarmente “calde” in questi tempi: la fiducia del pubblico nei media e i dati per i media
Il bando è aperto fino al 20 gennaio 2020. I candidati possono presentare la loro proposta di adesione direttamente sul sito di Stars4Media, dopodiché una giuria di 20 esperti selezionerà le proposte. Effettuata una prima fase di formazione, il lavoro inizierà con un incontro generale dal 3 al 6 marzo a Bruxelles, dopodiché si darà il via al progetto.  La peculiarità del progetto sta nella scelta di creare team che lavorino su specifiche aree di interesse, interagendo. Lo spiega bene questa infografica di Euractiv:

 

I media che accetteranno di far parte del progetto dovranno rimborsare ai partecipanti il 20% dei costi sostenuti (viaggio, alloggio, pasti, corsi). Il restante 80% sarà rimborsato dal progetto stesso. La cifra massima che si potrà corrispondere per ogni candidato prescelto non potrà superare i 6.000 euro. Purtroppo l’iniziativa è sì aperta anche ai giornalisti freelance, ma solo nella misura massima del 10% del totale. Devono però essere titolari di partita Iva.

Previous post

Il 2019 dei giornalisti nel mondo: meno violenza, ma non più libertà

Next post

Come si informano gli "over"? I social, le app e le notizie per chi ha più di 65 anni