Home»Professione giornalista»Veloci, col telefono e senza app: ecco i lettori del 2018

Veloci, col telefono e senza app: ecco i lettori del 2018

2
Shares
Pinterest Google+

I dati sull’informazione online di ottobre 2018, raccolti da comScore, raccontano di un’Italia che ormai si sta abituando, nella sua grande maggioranza, a informarsi usando il telefono e i tablet. Prendendo in considerazione le prime dieci testate italiane per traffico (guida Repubblica.it con più di 24 milioni di visitatori unici in un mese, al secondo posto il gruppo CityNews con le sue edizioni dedicate a molte città sul territorio) risulta che l’83% dei lettori acceda ai siti usando i browser del loro smartphone oppure quelli del loro tablet. Quasi nessuno, tuttavia, usa le app dei giornali: è un segnale interessante, per chiunque voglia investire in questa modalità di fruizione, perché evidentemente l’utente medio preferisce andarsi a cercare il sito autonomamente, senza bisogno di “passare” per una applicazione dedicata. 

Un altro dato interessante riguarda il tempo speso per leggere le notizie. Mentre gli utenti che accedono ai siti di informazione dal computer restano, mediamente, collegati per quasi 6 minuti, coloro che leggono news via telefono o tablet sono molto più sbrigativi. La media scende a neanche 2 minuti. Questo significa che sono meno disposti a leggere notizie “lunghe”, ad approfondire, ma che usano i siti per una personale rassegna stampa di ciò che cattura la loro attenzione. 

Un altro dato interessante è quello che riguarda il tipo di media che l’utente online predilige: se si scorre la classifica del traffico, si nota come la testata TgCom sia tra le prime, superando anche il Corriere della sera e la Gazzetta dello sport: ebbene, buona parte di questo traffico è da attribuirsi non agli articoli scritti ma ai video. Che sono una parte preponderante dell’offerta informativa di quella testata.

Infine, nella classifica nazionale si notano nomi “anomali”, non facenti cioè parte della tradizionale industria editoriale nostrana. Il caso più eclatante è quello di Salvatore Aranzulla che, da solo, ha creato un sito di informazioni utili per i consumatori con cui, oggi, totalizza più di 8 milioni di visitatori unici al mese (superando La Stampa, Il Giornale, Gazzetta, Rai News, Corriere dello sport, Ansa eccetera). Un altro nome che spicca è Autoscout24: un sito che si occupa esclusivamente di compravendita di automobili, furgoni e motociclette. Genera un traffico di più di 4 milioni di utenti al mese: più di tutti i siti di informazione di Sky.

Previous post

Le voci scomode dell'Iran a 40 anni dalla rivoluzione

Next post

La libertà condizionata nel Bahrain, e quel caso di tortura di cui non si parla