Home»Incontri del Caffè»Vent’anni di premio Alpi

Vent’anni di premio Alpi

0
Shares
Pinterest Google+

Anche quest’anno, il Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi segnalerà i migliori servizi e inchieste giornalistiche televisive che trattino temi di impegno civile e sociale. La scadenza per l’invio delle candidature è il 31 maggio 2014, mentre le serate del premio si svolgeranno a Riccione nei giorni 4, 5 e 6 settembre 2014.

La partecipazione al premio, arrivato alla ventesima edizione, è aperta a servizi giornalistici trasmessi su canali televisivi nazionali, in chiaro, digitale terreste, satellitari, web e tv locali e regionali italiani; una sezione del premio è riservata alle migliori inchieste pubblicate su canali televisivi stranieri; altri due premi sono dedicati a documentari e inchieste giornalistiche inedite in lingua italiana realizzati da giornalisti freelance di emittenti televisive nazionali (premio che consiste nella messa in onda dell’opera vincitrice su Rai Tre e su Rai News24 a fronte dell’acquisto dei diritti televisivi per un importo pari a 10.000 euro) e il premio della critica, votato dai critici televisivi Alessandra Comazzi (La Stampa), Antonio Dipollina (Repubblica), Francesco Specchia (Libero), Maurizio Turrioni (Famiglia Cristiana), Paolo Ojetti (Il Fatto Quotidiano) e Riccardo Bocca (L’Espresso).

La giuria del premio, per il 2014, è presieduta da Luca Ajroldi e composta da Barbara Cupisti, Tiziana Ferrario, Roberto Franchini, Marc Innaro, Enrico Menduni, Paolo Meucci, Alessandro Renna, Roberto Scardova, Antonio Sofi, Romano Tamberlich, Maurizio Torrealta, Andrea Vianello e dai vincitori delle sezioni di concorso dell’edizione 2013: Pablo Trincia, Marco Fubini, Federico Ruffo e Alessandro Macina.

Per le informazioni sul premio potete visitare il sito ufficiale del premio, oppure scaricare il bando di concorso.

 

[FF]

Previous post

Fermate quelle rotative!

Next post

Niente tweet, siamo turchi