Home»Libertà di stampa»Uniti in Europa per la libertà di stampa

Uniti in Europa per la libertà di stampa

0
Shares
Pinterest Google+

2 giugno 1946: i cittadini italiani (comprese le donne, che votavano per la prima volta in una consultazione politica) scelsero la forma dello stato repubblicano ed elessero anche i componenti dell’Assemblea costituente per una nuova carta costituzionale da sostituire al regio Statuto Albertino.

Nella Parte I che regola i Diritti e Doveri dei Cittadini, c’è l’art.21: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure […]”.

2 giugno 2012: a Roma, nello storico Teatro Valle, dal 2011 simbolo della cultura come bene pubblico, sarà presentata alle 18 la prima Iniziativa dei Cittadini Europei per la libertà e il pluralismo dei media. Per proteggere l’Europa dagli attacchi al pluralismo dell’informazione. Si chiede all’istituzione Europa di scendere in campo a salvaguardia di un diritto fondamentale per la democrazia auspicando una comune normativa di riferimento per prevenire o rimuovere posizioni lesive del pluralismo – e si tratta di situazioni concrete e attuali: basti solo pensare all’Ungheria- e regolamentare l’incompatibilità tra attività politiche e controllo dei mass media.

I diritti fondamentali della democrazia non sono mai acquisiti per sempre: ad ogni generazione spetta di proteggerli e rafforzarli.


Leggi anche l’articolo “Libertà d’informazione in UE”

Previous post

Solo foto e video ufficiali

Next post

Libertà d'informazione in UE