Home»Agenda»Un premio per il giornalismo scientifico

Un premio per il giornalismo scientifico

0
Shares
Pinterest Google+

premio_tomassettiAperte le candidature per l’ottava edizione del Premio giornalistico “Riccardo Tomassetti”, intitolato alla memoria del giornalista scientifico prematuramente scomparso nel 2007 all’età di 39 anni.
Dalla sua esperienza professionale improntata ai valori della scienza, dell’informazione e dell’impegno sociale e dalla sua attività di divulgazione attenta alla sperimentazione è nata l’idea di istituire un riconoscimento che valorizzasse il contributo che i giovani giornalisti possono dare alla divulgazione della cultura scientifica in Italia su tematiche relative alla ricerca, all’innovazione e alle prospettive future in medicina.

La partecipazione al premio Riccardo Tomassetti è gratuita e riservata a giornalisti under 35 iscritti all’Ordine nazionale,   collaboratori di testate regolarmente registrate, blogger e studenti iscritti a scuole di giornalismo.
Per partecipare occorre inviare i propri lavori in lingua italiana e in formato testo, audio o video, realizzati nel corso del 2015 e pubblicati da quotidiani, agenzie di stampa, settimanali, periodici, siti internet, blog e social media o trasmessi da emittenti radio o tv,  sul tema “Ricerca e innovazione in medicina”.
Saranno considerati particolarmente degni di attenzione i servizi dedicati ai nuovi farmaci, alle tecniche e agli approcci innovativi nella gestione e nella cura del paziente.
All’autore del miglior elaborato la giuria, composta da giornalisti e scienziati, assegnerà un premio di 2.000 euro.

Nell’ambito dell’iniziativa, promossa dal master “Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali” (Sgp) dell’Università La Sapienza di Roma, da quest’anno è stato istituito il premio speciale “Nuove prospettive in virologia”, un riconoscimento per il miglior servizio di taglio giornalistico su temi relativi a innovazioni terapeutiche, ricerche scientifiche e questioni sociali connesse con la virologia.
L’elaborato selezionato come il migliore sarà premiato con un riconoscimento di 1.000 euro.
Le opere in concorso (non più di tre per ogni autore) dovranno pervenire alla segreteria organizzativa entro il 15 novembre 2015.

Il premio è patrocinato dall’Associazione pazienti con epatite e malattie del fegato, EpaC Associazione Onlus, e dalle più importanti associazioni di lotta all’HIV/AIDS, Anlaids Onlus, C.I.C.A., Nadir Onlus e NPS – Network Persone Sieropositive Italia Onlus.
Lo scopo dell’iniziativa è quello di motivare i giovani giornalisti che si dedicano alla divulgazione scientifica a svolgere questa professione con competenza, rigore, completezza di contenuti e chiarezza di linguaggio per portare all’attenzione del pubblico i risultati delle ricerche più all’avanguardia in campo biomedico e delle terapie innovative che potranno concorrere a migliorare la salute delle nuove generazioni.

Per maggiori informazioni: www.premiotomassetti.it

Previous post

"La verità brucia" a Riccione

Next post

Giornalismo collaborativo? Si può, con hostwriter