Home»Professione giornalista»Truenumbers, i numeri non mentono

Truenumbers, i numeri non mentono

0
Shares
Pinterest Google+

TRUENUMBERSNasce dal connubio tra giornalismo, statistica e produzione televisiva Truenumbers, progetto che comprende un sito di informazione (online da pochi giorni) e una web serie, prodotta da Magnitudo e realizzata per il mondo virtuale.

L’idea è di spiegare le notizie di cronaca, politica, economia e costume utilizzando esclusivamente i numeri. Tasse, migrazione, molestie sessuali, tutto viene analizzato a partire dai dati, che provengono da fonti ufficiali, e che vengono utilizzati nel modo più semplice e chiaro possibile.

«Truenumbers vuole dare una rappresentazione della realtà più vicina al vero e mostrare i fatti per quello che realmente sono – sottolinea Marco Cobianchi, curatore del progetto – I numeri molto spesso demoliscono i luoghi comuni di cui l’informazione mainstream si nutre. Nessun argomento è fuori dal nostro radar e dimostreremo che tutto può essere raccontato attraverso un grafico, una tabella, un numero».

«Truenumbers rappresenta una nuova sfida – aggiunge Francesco Invernizzi fondatore di Magnitudo, società produttrice sia del sito che della web serie – si parla tanto di data journalism, ma in giro ne troviamo veramente poco. Nel pubblico della Rete cresce la voglia di trovare notizie che spieghino la realtà per quella che è, non per quella che si vuole far passare».

La web serie sarà distribuita settimanalmente a partire dal 17 settembre attraverso diversi canali. Per il settimanale Panorama, che ha sostenuto il progetto fin dall’inizio, la web serie Truenumbers rappresenta il debutto nella distribuzione di contenuti originali che saranno resi fruibili attraverso i siti Panorama.it. Le 12 puntate della prima stagione saranno online anche sul sito truenumbers.tv; il canale Vimeo e Youtube di Truenumbers, TgCom24.it e IlGiornale.it e «toccheranno argomenti che nemmeno immaginavate potessero essere rappresentati con dei grafici», assicurano dalla redazione.

truenumbers2“Noi vogliamo cambiare le vostre opinioni sulla realtà, demolire i luoghi comuni – assicurano su Truenumbers – E per questo spesso vi faremo arrabbiare, avrete voglia di non frequentarci più, penserete che siamo cultori del politically uncorrect. Ma se l’informazione non fa arrabbiare allora non è giornalismo, è solo propaganda. E noi non facciamo propaganda. Per noi la notizia sta nei numeri, non c’è bisogno di scrivere molto (anzi, noi scriviamo pochissimo, così per non farvi perdere tempo) e siccome la notizia è dentro i numeri, non c’è bisogno di rielaborarli con fantascientifiche tecniche di visualizzazione. Oltre un anno fa in una delle prime riunioni, stavamo animatamente discutendo su cosa volevamo fare. Alla fine uno di noi ha urlato: Questo non è Data journalism! Questo è Future journalism! Beh, non sappiamo se avesse ragione, e forse è un po’ eccessivo chiamarlo così, però come definizione non è male!”

La redazione di Truenumbers è composta oltre che dal curatore del progetto, Marco Cobianchi – giornalista di Panorama e autore di libri di economia; da Andrea Giuricin Senior Fellow del Think Thank Istituto Bruno Leoni e professore di Mobility Mangement presso l’Università Bicocca di Milano; da Gianpaolo Cerri già direttore di Campus, collabora con Sette, Donna Moderna e altri periodici; da Gianluca De Martino collaboratore di Wired e l’Espresso; da Giovanni Bucchi collaboratore di Italia Oggi, MF, Formiche.net, Business People e Class; da Cristina Da Rold giornalista per datajournalism.it, Ilfattoalimentare, l’Espresso, L’Unità e altre testate.

Previous post

I vincitori del Premio Roberto Morrione

Next post

Amedeo Ricucci vince Giornalisti del Mediterraneo