Posts Tagged

fotoreporter

«Un racconto collettivo che interroga le coscienze e chiede di non dimenticare»: apre con questo messaggio la mostra «Exodos – Rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione», ospitata nello spazio della Regione Piemonte a Torino in piazza Castello 165, fino al 24 febbraio, con ingresso gratuito. In mostra sono esposte quaranta immagini e due video, frutto del lavoro di dieci …

«Il primo reportage che ho fatto, è stato alla frontiera con il Messico, per vedere la situazione in quella zona. Avevo 22 anni, ero sola e sapevo poco lo spagnolo». Così Jodi Hilton, americana di Boston, ricorda l’inizio della sua carriera di fotoreporter. Eppure non è una “guerriera”: minuta, riservata, rispettosa delle persone che inquadra con il suo obiettivo, Jodi …

Quattordici donne “armate” solo della loro macchina fotografica, in prima linea nei punti caldi del mondo dove ci sono guerre, conflitti, miserie e drammi umani. Con coraggio, sensibilità e professionalità ci aiutano a capire, a non dimenticare, a fermarci a pensare. Palazzo Madama (a Torino) presenta, dal 7 ottobre al 13 novembre 2016, In prima linea. Donne fotoreporter in luoghi di …

Tutti fotoreporter con Whoosnap, l’app che permette di richiedere foto in tempo reale di uno specifico luogo o evento, sfruttando le dinamiche di crowdsourcing. Come funziona? Singoli utenti o aziende possono richiedere la foto inserendo una descrizione di quello che desiderano vedere, indicare il luogo dello scatto e definire una ricompensa in denaro, per chi scatterà la foto. Chiunque è …

A Slavjansk, epicentro della rivolta armata filo-russa, hanno perso la vita sotto colpi di mortaio il fotografo e reporter Andrea Rocchelli e il suo interprete, Andrej Mironov. Volevano raccontare ciò che i media mainstream trascurano. Nel loro cuore l’aspetto umano della tragedia.

Un reporter di Haiti, Daniel Morel, vince il suo braccio di ferro contro un colosso delle agenzie fotografiche che aveva prelevato da Twitter e rivenduto il suo reportage sul terremoto del 2010. La sentenza può costituire un precedente storico per i fotoreporter di tutto il mondo.