Posts Tagged

editoria

“Il passaggio alle nuove tecnologie è importantissimo, però quando leggo un articolo sul tablet poi finisce che lo rileggo anche su carta… In pratica mi ha raddoppiato i tempi di lettura!” Scherza, ma non troppo, Paolo Mieli presidente di RCS libri, ex direttore del Corriere della Sera, intervistato da Aldo Grasso sul tema dei nuovi media al Festival della Tv …

L’Ansa compie 70 anni e Carlo Gambalonga, ex vicedirettore vicario della testata, ce li descrive nel volume Casa Ansa. Da settant’anni il diario del Paese, che verrà presentato giovedì 26 marzo a Roma, nella sede della Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali). Dal primo dispaccio sui bombardamenti alleati in Germania, del 15 gennaio 1945 agli anni di piombo, dal rapimento di …

«Garantire la Costituzione significa garantire il diritto allo studio dei nostri ragazzi in una scuola moderna in ambienti sicuri, garantire il loro diritto al futuro. Significa riconoscere e rendere effettivo il diritto al lavoro. Significa promuovere la cultura diffusa e la ricerca di eccellenza, anche utilizzando le nuove tecnologie e superando il divario digitale. […]  Significa fare in modo che le donne non …

La diciassettesima edizione di Wan-Ifra Italia, la Conferenza internazionale per l’industria dell’editoria e della stampa quotidiana, ha presentato i dati più aggiornati sul settore editoriale (vendite, pubblicità, andamento dei bilanci, occupazione e retribuzioni poligrafiche, rete produttiva, anagrafe delle imprese) raccolte, come ogni anno, nel “Rapporto sull’industria dei quotidiani in Italia”. La ricerca è stata realizzata dall’Associazione Stampatori Italiana Giornali (ASIG) …

L’ultimo rapporto dell’Autorità sulle comunicazioni segna un altro record negativo per quotidiani e periodici italiani: in 12 mesi si sono persi centinaia di milioni di euro, in calo anche il web. La sopravvivenza dell’informazione in Italia è sempre più a rischio.

Il governo sta per definire i dettagli dello stanziamento da 50 milioni di euro per sostenere le aziende editoriali e favorire innovazione e occupazione di giovani giornalisti. Una misura accolta con favore, ma che la federazione stampa giudica in contraddizione con altri provvedimenti di taglio “indiretto” ai giornali…

La federazione nazionale degli editori consegna un rapporto dai contenuti preoccupanti: i giornali hanno perso milioni di copie, l’occupazione giornalistica è crollata e i fatturati del settore hanno subìto smottamenti paurosi. Gli esperti avvertono: la caduta continuerà, nonostante la ripresa economica.