Home»Professione giornalista»Riconversione: un progetto per (ri)fare la pace

Riconversione: un progetto per (ri)fare la pace

0
Shares
Pinterest Google+
Luca Martinelli (a destra) con Raffaele Palumbo, marito di Sabrina Sganga
Luca Martinelli (a destra) con Raffaele Palumbo, marito di Sabrina Sganga

Con il progetto giornalistico “Riconversione”, Luca Martinelli del mensile Altreconomia ha vinto l’edizione 2014 del premio “Questione di stili” dedicato a Sabrina Sganga, giornalista di Controradio Firenze scomparsa due anni fa e che ha dedicato la sua vita professionale alla scoperta di nuovi stili di vita, all’interno di un sistema economico profondamente in crisi.

Di che tratta questo progetto, lo dice già il nome e la definizione che ne dà la Treccani, ossia “l’adattamento di impianti o attrezzature esistenti a nuovi tipi di produzione in seguito a mutamenti qualitativi della domanda, a trasformazioni di processi o a innovazioni tecnologiche ”.

“Possiamo considerare la crisi – scrive Luca Martinelli – che è al contempo ambientale e sociale, e per ultimo anche economica, come il frutto di uno stato di guerra permanente nei confronti del Pianeta (degli ecosistemi e di chi li abita)”. Per ricostruire la pace è necessaria una profonda trasformazione dei modi di produzione e a livello culturale, verso stili di vita ispirati a principi di mutualità, sostenibilità e solidarietà. Ed è quindi alla narrazione di queste esperienze che si vuole dedicare Martinelli, realizzando reportage per il blog ospitato da Altreconomia.

“L’idea di Riconversione – spiega Martinelli – nasce dalla riflessione sulla costruzione di alternative nel nostro Paese, processi che seguiamo come rivista, sia dal punto di vista giornalistico con gli approfondimenti sulle economie solidali, sia dal punto di vista politico. L’obiettivo è mostrare come settori economici tradizionali possano e si stiano trasformando con creatività applicando principi etici e ideali per un’economia di sostenibilità, riducendo l’impatto ambientale, facendo i conti con la scarsità di risorse, perseguendo l’idea del bene comune e rendendo così la propria produzione più adeguata al XXI secolo”.

Vincere il Premio dedicato a Sabrina Sganga è stato particolarmente significativo per Martinelli, perché è proprio dalla trasmissione radiofonica a ControRadio che è nata Imbrocchiamola, la campagna per promuovere l’uso dell’acqua del rubinetto, che Altreconomia ha poi portato a livello nazionale.

Grazie a questo Premio, il blog ospiterà fino a maggio 2015 approfondimenti e reportage su storie in cui il cambiamento è già in atto: attività economiche nei settori più disparati, dall’edilizia all’agricoltura, passando per la gestione del patrimonio pubblico.

La prima storia è quella di un centro ippico diventato un rifugio per animali, in cui gli animali “hanno un nome” e non sono più bestie da reddito, mantenute solo per fini produttivi, ma ospiti senzienti di una fattoria didattica, che solo nei primi 7 mesi del 2014 ha accolto 600 bambini.

Per seguire il progetto giornalistico di Luca Martinelli è disponibile anche una pagina Facebook e un account Twitter e per segnalare storie di riconversione che possano alimentare il blog si può scrivere a riconversione@altreconomia.it.

Previous post

Stand up per il giornalismo e per il lavoro

Next post

Pipeline, la tratta delle schiave del sesso