Home»Agenda»Giornalismo investigativo e informatica

Giornalismo investigativo e informatica

0
Shares
Pinterest Google+

Uno spazio di confronto su esperienze, metodologie e strumenti del giornalismo investigativo: questa l’idea dell’Anteprima del Festival Internazionale del Giornalismo Investigativo, in programma a Roma il 24 e 25 gennaio nella sede della Federazione Nazionale Stampa Italiana, che ha contribuito a sostenere il progetto.
Due giorni che anticiperanno i lavori del Festival – organizzato per settembre 2014 – in cui esperti italiani e internazionali presenteranno un nuovo modello di giornalismo, sempre più orientato all’analisi accurata degli avvenimenti politici e sociali e all’uso consapevole di strumenti informatici per l’analisi di dati e di informazioni.
La professione del giornalista si sta allontanando via via da quella tradizionale del reporter che verifica i fatti e li trasmette, in modo più o meno approfondito, per integrare anche l’esperienza in campo informatico: il giornalista d’inchiesta riassume in sé le competenze dell’analista di dati, dell’esperto di hacking, dello specialista dei social network e del conoscitore delle strategie di marketing virale.
Nel quadro dell’informazione del futuro saranno imprescindibili abilità relative al giornalismo di precisione, o data journalism, ovvero agli strumenti della matematica, della statistica e delle scienze sociali applicati alle inchieste.

A Roma in un confronto internazionale tra giornalisti investigativi provenienti da tutto il mondo si traccerà questa prospettiva e si approfondirà il rapporto tra tecniche investigative e pratiche e linguaggi espressivi.
Saranno dedicati panel specifici alle inchieste giornalistiche sulla criminalità organizzata e sul terrorismo con il contributo di magistrati, esperti di intelligence, archivisti, esperti di sicurezza informatica.
Infine, alcuni workshop gratuiti introdurranno gli elementi tecnici indispensabili per iniziare a lavorare con le nuove tecniche di OSINT (Open Source Intelligence, la raccolta di informazioni attraverso la consultazione di fonti di pubblico accesso), di sicurezza e crittografia e di Computer Assisted Reporting, ovvero la raccolta e l’analisi attraverso il computer dei dati necessari per un’inchiesta.

Elisabetta Gatto

 

 

Previous post

Un premio per Miriam Mafai

Next post

L'inviato speciale