Home»Agenda»Fotoreportage sui manicomi criminali

Fotoreportage sui manicomi criminali

0
Shares
Pinterest Google+

mostra foto OpgL’Associazione ex allievi del Master di giornalismo di Torino inaugura il 15 maggio alle 18, ai Bagni Pubblici di Via Aglié di Torino, la mostra fotografica di Max Ferrero intitolata Nocchier che non seconda il vento, viaggio negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari alla vigilia della chiusura. La mostra, inserita nel programma del Salone Off del Salone internazionale del libro di Torinosarà visitabile dal 15 al 30 maggio.

In occasione dell’inaugurazione si parla del passaggio dagli Ospedali Psichiatrici Giudiziari ai Rems (Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza). Partecipano al dibattito Anna Rossomando, deputato del Partito Democratico in commissione Giustizia, Bruno Mellano, garante dei Detenuti della Regione Piemonte, Michele Miravalle, dell’associazione Antigone, Anna Greco, del comitato Stop Opg Piemonte e Max Ferrero, autore della mostra. Modera Stefano Tallia, segretario dell’associazione Stampa Subalpina.

Gli internati – malati psichiatrici che hanno commesso reati gravi – sono 704, circa 400 saranno sistemati, come prescrive la nuova legge, in una serie di strutture che si chiameranno Rems, Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, che in alcune Regioni, non sono ancora pronte e che probabilmente non lo saranno per lungo tempo.

Ferrero ha raccolto in un libro le immagini in bianco e nero del reportage che racconta la vita nei sei Opg che stanno per chiudere: Castiglione delle Stiviere, Reggio Emilia, Montelupo Fiorentino, Aversa, Napoli e Barcellona Pozzo di Gotto.

Mostra_Nocchier che non seconda il vento_ di Max Ferrero - 2 bbdGiornalista dal 1987, Ferrero ha pubblicato su tutte le maggiori testate italiane e i suoi reportage si sono concentrati e specializzati nell’ambito della ricerca sociale.
Servizi fotografici sulla ex Jugoslavia, il Kurdistan, il Centro America, l’immigrazione extracomunitaria, i nomadi, gli ospedali psichiatrici e le carceri sono stati oggetto di mostre sia per Cooperative, sia per amministrazioni comunali quali Torino, Milano e Lucca.
Per oltre 10 anni ha collaborato con agenzie fotogiornalistiche: Lucky Star, Sintesi, Photo Dossier, Linea Press, Blow Up e, attualmente, AGF.
Co-fondatore dell’Agenzia Sync Studio di Torino continua a occuparsi di tematiche sociali. Dal 2010 è responsabile tecnico del sito Fotozona.

Le immagini della mostra sono state stampate dalla cooperativa Stampatingalera con i detenuti nel carcere di Saluzzo.

Previous post

Inviati di guerra tra sicurezza e nuovi media

Next post

Per De Benedetti il futuro corre sul video