Home»Agenda»Festival della Tv e dei Nuovi Media

Festival della Tv e dei Nuovi Media

0
Shares
Pinterest Google+

Come sta cambiando la televisione? In che modo i nuovi media stanno invadendo il campo della comunicazione tradizionale? Che cosa guarderemo domani? E dove lo guarderemo?

Costruire il palinsesto ideale, la sequenza perfetta di programmi per i quali valga (ancora) la pena di tenere accesa la televisione per tre giorni consecutivi.
È questo il principale obiettivo della seconda edizione del Festival della Tv e dei Nuovi Media, che si terrà a Dogliani il 3, 4 e 5 maggio 2013.

Il paese delle Langhe diventerà per 3 giorni il più importante centro di confronto e discussione sulla Televisione e i Nuovi Media, un “Paese-Antenna” – come dicono gli organizzatori – in diretta nazionale dal quale trasmettere idee, proposte e riflessioni sulla Tv del futuro. Il Festival ospiterà protagonisti affermati e nuovi autori, editori tradizionali e professionisti dell’universo multimediale, produttori sconosciuti al grande pubblico e star assolute del piccolo schermo.

Le strade di Dogliani saranno quindi animate da incontri e dibatti, intrecci tra generazioni di Tele-protagonisti, Tele-visionari e Tele-dipendenti che rifletteranno le diverse anime della Tv.

Anche il Festival della tv e dei nuovi media sarà accessibile e gratuito e porterà in piazza Umberto I i grandi temi della comunicazione contemporanea multipiattaforma, attraverso una combinazione di incontri dedicati all’attualità, all’approfondimento, all’inchiesta, alla cultura e all’intrattenimento.

Dall’irruzione della Social Tv nella stagione delle elezioni italiane e statunitensi al trionfo dei programmi consacrati al cibo, dall’indagine sui misteri irrisolti alla nascita di Huffington Post Italia e Sky Arte HD. A Dogliani si confronteranno i vertici dei principali broadcaster nazionali, parleranno i protagonisti di carriere televisive immense che hanno cambiato il Paese e si racconteranno gli inventori di reti minuscole che da un monolocale di Partinico riescono a mettere in crisi la criminalità organizzata.

Verranno esaminati e raccontati tutti i generi televisivi, paratelevisivi, metatelevisivi, la tv usata come computer, il computer come tv, il web, i social network, i nativi digitali e gli «hangout», ma pure la radio e il doppiaggio.

Informazioni: www.festivaldellatv.it

 

Previous post

Aspettando Domenico...

Next post

Le vignette per riflettere