Home»Agenda»Col giornalismo verde si può trovare lavoro

Col giornalismo verde si può trovare lavoro

0
Shares
Pinterest Google+
SAVONA CAMPUS UNI
Il Campus universitario di Savona, sede del corso di giornalismo ambientale

Torna il Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti, una delle figure più significative nel panorama della divulgazione scientifico-ambientale del nostro Paese. Giunto alla quindicesima edizione, il corso si tiene per il settimo anno consecutivo nel Campus universitario di Savona e propone una miscela di cultura, informazione e conoscenza del territorio. E il mix funziona, dato che oltre la metà dei partecipanti delle precedenti edizioni, ha avviato un rapporto di lavoro: dall’assunzione in qualità di praticanti giornalisti alla collaborazione con varie testate, uffici stampa di associazioni, enti o imprese private.

Tra i docenti Antonio Cianciullo (La Repubblica), Franco Foresta Martin (Corriere della Sera), Toni Mira (Avvenire), Tiziana Ribichesu (Giornale Radio Rai), Alberto Zoratti (Responsabile clima ed economia Fairwatch).

Rivolto a giornalisti professionisti e pubblicisti, che potranno ottenere crediti formativi riconosciuti dall’OdG ai fini della formazione continua, il corso – che si apre il 26 ottobre e si conclude il 4 dicembre, per 220 ore di lezione tra teoria e pratica – è aperto anche a laureati e diplomati interessati all’informazione ambientale.

Prevede la partecipazione di 20 giovani, tra italiani e stranieri, che possono usufruire di borse di studio. Come funziona? «Ogni studente – spiegano gli organizzatori – lavora all’interno di un laboratorio redazionale e redige articoli finalizzati anche alla pubblicazione di uno speciale del mensile di Legambiente, La Nuova Ecologia, che viene redatto durante il workshop. Dopo il corso è possibile partecipare a stage presso testate giornalistiche e uffici stampa».

Nelle prime quattordici edizioni ha impegnato 156 docenti. Oltre 3.400 domande di partecipazione e 152 le borse di studio assegnate tra i 356 studenti selezionati.

L’iniziativa, unica in Italia, è realizzata in partenariato con l’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia, e ha ricevuto i patrocini del Ministero dell’Ambiente, del Comune di Savona, del Campus Universitario di Savona, di Federparchi, della Federazione Italiana dei Media Ambientali e dell’Enea.

Le adesioni, corredate di Curriculum vitae e Lettera motivazionale devono pervenire entro il 3 luglio presso la segreteria del Corso Laura Conti.

Previous post

Se scrivi dall'Egitto parla arabo e non farti notare

Next post

2 giugno: la Costituzione vive?