Posts In Category

Libertà di stampa

Quando la app Dragonfly verrà attivata in Cina, il motore di ricerca di Google non indicizzerà più Facebook, Twitter e anche il New York Times. In questo modo, la stretta sull’informazione sarà più efficace per tutti: cittadini, attivisti, giornalisti. Peccato che la app sia stata sviluppata direttamente da Google su richiesta del governo e dunque serva un mercato di miliardi …

“Nemici del popolo”. Così il presidente Donald Trump definisce i giornalisti. Buoni, secondo lui, solo a diffondere notizie false (e tendenziose, soprattutto se riguardano i suoi rapporti con Putin). D’altra parte, con i media Trump non ha mai avuto buoni rapporti in questi anni e non ha mai perso l’occasione di ribadire la – scarsa – considerazione che ha di loro. …

C’è (almeno) un grande giornale in edicola, simbolo del giornalismo vecchio stampo, che attira ancora i giovani. Il New York Times, anno 2018, vende soprattutto tra i 18 e 29 anni: il 36,08% di chi lo compra deve ancora compiere 30 anni. I lettori anziani del NYT, compresi tra i 50 e i 64, sono una minoranza: appena il 7,95% del totale. In …

Christophe Deloire, segretario generale di Reporter senza frontiere, ha diffuso il suo pensiero – e quello dell’organizzazione che rappresenta – in un momento in cui la Russia di Vladimir Putin è al centro dell’attenzione mondiale per la Coppa del Mondo di calcio. «Il presidente ha lavorato duramente per portare la Fifa World Cup in Russia nel 2018. Ha potuto controllare molto …

Una sentenza storica per la libertà di espressione in un Paese che certo non fa scuola per i diritti civili: Ali Salman, sceicco dal noto attivismo per i locali in Bahrain, è stato prosciolto da tutte le accuse di spionaggio insieme a due colleghi bahreniti, Hassan Ali Juma Sultan e Ali Mahdi Ali al-Aswad. Si tratta di una rara vittoria, nel panorama …

Immaginate un proprietario di un giornale che si presenta in tribunale per chiedere ai magistrati di non applicare contro di lui la legge che condanna i giornalisti (e gli editori) per diffamazione. Immaginate una corte che non solo gli dà ragione ma, in aggiunta, dichiara che la legge in questione è incostituzionale. Tutto ciò è successo. Solo che, a differenza …

In Tunisia si è tornato a votare. Purtroppo solo un elettore su tre, il 34%, è andato alle urne per la tornata di voto amministrativo comunale. Sono passati sette anni dalla rivoluzione (vera o presunta) dei gelsomini e, per la Tunisia, ben poco è cambiato: se non le quote rosa, che hanno imposto il 50% di donne nelle liste elettorali. …