Posts In Category

Incontri del Caffè

Ci siamo! Il 24 settembre è stato inaugurato il nuovo Centro culturale italo-arabo Dar al Hikma, in via Fiochetto 15 a Torino. In attesa dell’apertura ormai imminente, ecco il video e alcune foto della bella festa di inaugurazione, a seguito degli importanti lavori di rinnovamento terminati in questi giorni.

Ecco il video della conferenza stampa, tenutasi mercoledì 18 settembre, in occasione della presentazione del rinnovato Centro culturale italo-arabo Dar al Hikma di Torino. Immagini ed interviste per un luogo di incontro e di dialogo. Il Caffè dei Giornalisti presenta così la caffetteria intitolata a suo nome all’interno del centro. Non resta altro che vedere da vicino e dal vivo di che realtà parliamo!

Il Centro Culturale Dar al Hikma, che in arabo significa Casa della Sapienza, riapre il 25 settembre con un Hammam totalmente ristrutturato, un ristorante e una piccola caffetteria Il Caffè dei Giornalisti intitolata alla nostra associazione.

Il Caffè come luogo per promuovere la cultura del rispetto e della libertà di informazione e di stampa.  Un posto dove le persone si incontrano, discutono, fanno cultura, vanno a scrivere, a pensare. E dal 25 settembre, avrà anche un luogo fisico ideale, la caffetteria del Centro Dar al Hikma. di Nadia Redoglia

Anche quest’anno il Caffè ad agosto “chiude” e va in vacanza. Quello passato è stato un primo anno di attività intenso, ricco di nuove collaborazioni ed eventi, che speriamo di continuare ad organizzare con il contributo dei nostri partner e la vostra partecipazione. Vi aspettiamo a settembre. Buona estate a tutti voi.

Il Caffè dei Giornalisti ha accolto con piacere l’invito alla festa nazionale della Repubblica Francese a Torino. Il giorno in cui si commemora la presa della Bastiglia, il console generale di Francia Mme Edith Ravaux ci ha ricevuto nella splendida cornice di Palazzo Reale a Torino.

Si è appena chiuso il 7 congresso internazionale Weec tenutosi quest’anno per la prima volta in un paese arabo, nella splendida Marrakesh. Il programma ha visto un fitto alternarsi di voci accademiche e sociali