Home»Professione giornalista»Biennale Democrazia “Utopico. Possibile?”

Biennale Democrazia “Utopico. Possibile?”

0
Shares
Pinterest Google+

Torna a Torino dal 10 al 14 aprile l’appuntamento con Biennale Democrazia, manifestazione culturale coordinata dal presidente emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky giunta alla terza edizione. Ma Biennale Democrazia è un laboratorio pubblico permanente, radicato nel territorio e rivolto alle grandi dimensioni della politica odierna, aperto al dialogo, capace di coinvolgere i giovani delle scuole e delle università e destinato a tutti i cittadini.

Una serie di momenti preparatori e di tappe intermedie – workshop di discussione, laboratori per le scuole, iniziative destinate ai giovani, proposte specifiche – culmina, ogni due anni, in cinque giorni di appuntamenti pubblici: lezioni, dibattiti, letture, forum internazionali, seminari di approfondimento e momenti diversi di coinvolgimento attivo della cittadinanza.

Quest’anno l’evento porterà il titolo “Utopico. Possibile?”, un tema forte che guarda al futuro del mondo, al ruolo della scienza, ai movimenti di trasformazione sociale e all’Africa.
E per cinque giorni Biennale Democrazia 2013 condurrà il pubblico attraverso un’ampia riflessione sulle diverse concezioni del mondo e sulla tensione verso il futuro. Perché proprio nei momenti di crisi appare importante mettere radicalmente in discussione i fini della coesistenza democratica.

Tra gli eventi, non poteva mancare un dibattito sul futuro dell’informazione, in un mondo in cui la carta stampata è sostituita dal web e dai social network, e in cui, in Italia e non solo, non è ancora chiaro quale sarà lo scenario negli equilibri tra televisioni, new media e giornali, con concentrazioni proprietarie e dalla contrazione del mercato pubblicitario. Ne discuteranno Lucia Annunziata, Mario Calabresi, Paolo Mieli, presso il Teatro Carignano (piazza Carignano 6) l’11 aprile alle 21.

Il programma dettagliato
http://biennaledemocrazia.it

 

di Elisa Gallo

 

Previous post

Unite, libere e autonome

Next post

Giornalismo mondiale a Perugia