Home»Agenda»Anna Lindh, torna il Mediterranean Journalist Award

Anna Lindh, torna il Mediterranean Journalist Award

0
Shares
Pinterest Google+
I vincitori del Premio 2014
I vincitori del Premio 2014

C’è tempo fino al 1° settembre per partecipare alla nona edizione dell’Anna Lindh Mediterranean Journalist Award. Il premio è rivolto a giornalisti che siano cittadini di uno dei 42 paesi dell’Unione del Mediterraneo oltre a Libia e Siria.

Le questioni interculturali tra e all’interno delle società Euro-Mediterraneo, come la diversità, la tolleranza, la libertà di espressione, la lotta contro la xenofobia, l’estremismo e il terrorismo sono i temi cardine del Premio.
Fondato nel 2006, in collaborazione con la Federazione internazionale dei giornalisti, il Premio si è ampliato nel corso del decennio attraverso il legame con importanti partner tra cui COPEAM, Thomson Reuters Foundation, Allianz e Fondazione l’Alleanza delle civiltà delle Nazioni Unite.

André Azoulay, Presidente della Fondazione Anna Lindh, durante la cerimonia di premiazione dello scorso anno, aveva spiegato il perché di questo riconoscimento: «Siamo stati in silenzio troppo a lungo sulle drammatiche realtà che si stanno svolgendo nella nostra regione. In questo contesto, la Fondazione e i suoi partner sono impegnati più che mai a prendersi la responsabilità di cercare la verità e di inviare un segnale che un altro Mediterraneo è possibile».

logoIl Premio della Fondazione Anna Lindh per i giornalisti del Mediterraneo mira infatti a far emergere produzioni giornalistiche di rilievo, contribuendo a una migliore comprensione della diversità delle culture nella regione euro-mediterranea, nonché a promuovere il ruolo positivo svolto dai media nella segnalazioni in materia di diversità culturale e di fornire una copertura equilibrata e consapevole nella regione.
Il Premio è promosso ogni anno attraverso un concorso in tutta la regione del Mediterraneo. Una giuria internazionale composta da esperti dei media ha il compito di selezionare i finalisti che prenderanno parte alla cerimonia di premiazione, prevista a Londra per la fine del 2015. Tra questi finalisti saranno scelti i cinque vincitori, che riceveranno un premio in denaro e saranno invitati a recarsi in altre parti della regione euromediterranea come ambasciatori dei media nel quadro del “Premio Giornalistico: Exchange”.

L’edizione 2015 prevede quattro categorie: Stampa (articoli pubblicati su giornali, riviste periodici, scritti in stile giornalistico, non devono superare i 20.000 caratteri); Media online (materiale grafico o audio-video pubblicato su Internet, in particolare il materiale creato dai giornalisti) Blog, piattaforme di social media e altre forme emergenti di comunicazione on-line sono riconosciuti come parte del paesaggio media online e del giornalismo online nella misura in cui il contenuto è prodotto in uno stile giornalistico; categoria Audiovisivo (interviste, reportage, documentari, dibattiti, notizie o report pubblicati sul radio e/o TV); categoria Fotografia (fotografie pubblicate online e/o stampati media da parte per i fotografi professionisti o non professionisti).

Sarà data priorità ai giovani giornalisti. I candidati possono concorrere in una sola categoria. Si può compilare il form di partecipazione online
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito.

Previous post

Il giornalista Down Under

Next post

La radio dei braccianti africani