Home»Incontri del Caffè»Yemen, la guerra e oltre il conflitto: il racconto di Laura Silvia Battaglia

Yemen, la guerra e oltre il conflitto: il racconto di Laura Silvia Battaglia

0
Shares
Pinterest Google+

Si avvicina la sesta edizione di Voci Scomode – Storie di chi sfida il potere, la giornata dedicata alla libertà di stampa e curata dal Caffè dei giornalisti insieme alla Maison des Journalistes di Parigi. Quest’anno ci occuperemo dello Yemen, uno Stato scosso da una guerra civile che prosegue nel mietere vittime innocenti. Raccontare lo Yemen, attraverso le esperienze di due giornalisti costretti all’esilio, sarà la nostra maniera di restituire un quadro drammatico, di sofferenze e ingiustizie quotidiane, patite da chi lo Yemen lo ha dovuto lasciare perché minacciato di morte ma che continua a lottare per la pace e la libertà. Sono ancora molti, peraltro, i giornalisti yemeniti che, a dispetto delle difficoltà e in un clima di continue minacce, pressioni e intimidazioni, stanno tentando di raccontare la realtà e di spiegare le ragioni di un conflitto che non accenna ad arrestarsi.

La nostra Laura Silvia Battaglia ha appena presentato un documentario dedicato alla situazione yemenita, andato in onda su Rai3. Laura Silvia modererà il dibattito di Voci Scomode 2019 portando il suo contributo personale e professionale per un migliore conoscenza dello Yemen e dei motivi profondi, politici ed economici, della guerra. Il titolo del suo lavoro è Yemen – Nonostante la guerra e vuole trasmettere non solo la tragedia delle armi usate contro le persone ma anche lo spirito di chi sta cercando tutte le strade per riconquistare la pace e ricostruirsi una vita degna di essere vissuta. Vi invitiamo a guardarlo, perché è una testimonianza diretta di quanto sta accadendo sotto gli occhi di un mondo che stenta a reagire, come se i bombardamenti e le uccisioni, le violazioni dei diritti e le insensate sofferenze inflitte anche ai bambini fossero “affare loro”.

Per approfondire e conoscere altre storie, l’Espresso ha pubblicato i reportage di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi in cui vengono raccontate vicende professionalmente molto dure, come il dilemma sull’opportunità di mostrare bambini malnutriti, e storie strazianti, come quelle dei piccoli ricoverati a Sana’a, dove manca tutto, dal cibo alle medicine.

Per i dettagli su Voci Scomode 2019, continuate a seguire il sito del Caffè e consultate il sito di Voci Scomode, che conserva l’archivio video e i documenti di tutte le edizioni passate (dedicate alla Siria, alla Turchia, alla Cecenia, al Ruanda e Camerun, all’Iran).

 

 

Previous post

Come il Diário de Notícias ha trovato la sua strada... digitale

Next post

Arriva il festival del mobile journalism: fare notizia con la tecnologia