“Voci scomode” è l’appuntamento annuale dedicato alla libertà di stampa nel mondo e alle testimonianze dei giornalisti costretti all’esilio. Giunto alla sua terza edizione, si ispira al progetto di sensibilizzazione alla libertà di opinione e di espressione Presse 19, laddove il numero rimanda all’articolo della Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948, che sancisce tali diritti.

E’ organizzato dal Caffè dei giornalisti in collaborazione con il Dipartimento di Culture, Politiche e Società dell’Università di Torino e la Maison des Journalistes di Parigi, associazione che offre rifugio a giornalisti esiliati o fuggiti dal loro Paese d’origine per aver perseguito la libertà di espressione. Dalla sua apertura, l’associazione ha accolto circa 300 giornalisti provenienti da 57 Paesi del mondo.

Vi aspettiamo su vociscomode.caffedeigiornalisti.it

GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI DAL SITO:


VOCI SCOMODE Storie di chi sfida il potere

  • Il Cameo (21) – Erdogan fa (quasi) strike: undici giornalisti, sei condanne
    by Redazione on 9 luglio 2018 at 06:32

    Una corte di Instanbul ha condannato sei giornalisti turchi, tutti ex lavoratori del quotidiano Zaman, sulla base di norme liberticide. Il giornale era già stato chiuso nel 2016 perché ritenuto troppo vicino alle posizioni di Fethullah Gülen, il predicatore costretto a fuggire e a riparare negli Stati Uniti perché ritenuto sovversivo. Il tribunale ha sentenziato che […] L'articolo Il Cameo (21) – Erdogan fa (quasi) strike: undici giornalisti, sei condanne proviene da VOCI SCOMODE. […]

  • Il Cameo (20) al-Manjar, dalle minacce dell’Isis ai proiettili mortali
    by Redazione on 25 giugno 2018 at 07:17

    Si chiamava Ibrahim abdulrazaq al-Manjar ed è stato assassinato il 17 maggio 2018 da un gruppo armato non identificato. Quando è stato ucciso si trovava davanti alla sua abitazione di Daraa, nel sud della Siria. Il collega Jaafar Abu al-Agha ha raccontato che al-Manjar è stato assassinato da un uomo a bordo di una motocicletta alle sette […] L'articolo Il Cameo (20) al-Manjar, dalle minacce dell’Isis ai proiettili mortali proviene da VOCI SCOMODE. […]

  • Il Cameo (19) – Zachary Stoner, ucciso perché disturbava?
    by Federico Ferrero on 7 giugno 2018 at 20:39

    Non si muore di giornalismo solo nei Paesi poveri, arretrati, privi di garanzie fondamentali per i cittadini. Zachary Stoner era un vlogger di Chicago con due passioni, la musica e il giornalimo. Che questo ragazzo fosse fuori dagli schemi canonici del giornalismo è sicuro: usava lo stile dell’hip hop per parlare della musica che amava […] L'articolo Il Cameo (19) – Zachary Stoner, ucciso perché disturbava? proviene da VOCI SCOMODE. […]

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

SHARE

VOCI SCOMODE