Home»Professione giornalista»Videomaker “istantanei”, un servizio per i social media

Videomaker “istantanei”, un servizio per i social media

0
Shares
Pinterest Google+
dew1_n
Al centro Luca Bosonetto, con Gabriele Conti a sinistra e Francesco Pantalone a destra

Uffici stampa, enti, associazioni sono accomunati da un desiderio: comunicare nel minor tempo possibile i propri eventi. Ma come fare a realizzare un video che documenti velocemente che cosa è successo in una certa manifestazione senza perdere in qualità, in modo da offrire a giornalisti e social media materiale interessante e pubblicabile?

Dewrec, associazione culturale composta da giovani professionisti (illustratori, attori, grafici), che si occupa di media e arte, in particolare di musica, presenta le sue “istantanee”, un format di documentazione video per eventi di ogni genere, dove tutto viene filmato, montato e prodotto con il solo utilizzo di smart-phone e tablet. Realizzate sul posto dalla troupe, le “pillole” sono ad immediata disposizione degli organizzatori per la diffusione sui social network.

Che cosa sono esattamente queste “istantanee”?

«La documentazione di un evento vive ormai sul web, e partendo da questo fatto, moduliamo le tempistiche e gli strumenti del nostro lavoro – spiegano Giuseppe Moreto (regista) e Luca Bosonetto (producer) di Dewrec – L’istantaneità, il montato fresco, comunicano alla gente un senso di ‘fatto a mano’ o comunque di ‘postprodotto con stile’ che suona molto più inattaccabile del ‘postprodotto con scrupolo e certosina gibbosità’ dei video a lungo termine di lavorazione. Le istantanee sono pastorizzazioni veloci, dei quasi-flussi snapchat, ma con un pelo più di raziocinio. Non vogliamo dire che chiunque con un iPhone in mano può diventare videomaker, piuttosto l’esatto contrario: se si si è capaci di raccontare una storia usando le immagini, la strumentazione che si utilizza non è mai una limitazione, ma una scelta, feconda in ogni caso».

Fornite un servizio a chi vuole comunicare il proprio evento, perché scegliervi?

dewrec2«Abbiamo una modalità di documentazione di tipo professionale – risponde Bosonetto –. Chi commissiona il servizio ha immediatamente il contributo video che gli serve per documentare un evento, una manifestazione, non deve aspettare i tempi lunghi della post produzione tradizionale».

«Quando dobbiamo fare un film, un videoclip per la TV o uno spot pubblicitario ci affidiamo a camere, ottiche e microfoni – aggiunge Moreto – ma è bello adeguarsi ai contesti, improvvisare, là dove riflettere troppo sul prodotto sarebbe un autogol».

Avete già realizzato dei prodotti con questo sistema?

«Si, durante l’estate abbiamo fatto una sorta di “tour estivo di prova” in giro per Festival ed appuntamenti in tutta Italia. A Gallipoli abbiamo lavorato per l’Ithaka forum, Forum internazionale di studenti del Mediterraneo. Ci siamo occupati della comunicazione producendo giorno per giorno un video, istantaneamente.

Lo staff di Dewrec al lavoro durante Flor
Lo staff di Dewrec al lavoro durante Flor

A Vinadio (CN) , al festival rock di Fortissimo, abbiamo fatto anche un workshop con il pubblico, nel quale abbiamo utilizzato le loro immagini,  girate durante i concerti o nel corso della giornata. In pratica abbiamo realizzato la storia collettiva del festival con i video fatti da tutti. Anche la redazione cuneese de La Stampa ha usato le nostre immagini per ché non aveva altro materiale di qualità così immediato.

L’ultimo lavoro è quello fatto a Flor, lo scorso weekend a Torino. Flor è una manifestazione che ci affascina molto, nonostante non si avvicini al nostro background. Ci piace pensare che il nostro occhio venga ogni volta sfidato, da eventi diversi, nella sua capacità di osservare e raccontare un punto di vista originale sul mondo. Per Flor, abbiamo realizzato due video, uno al giorno. E avevamo a disposizione anche una nostra postazione, in modo da rendere più esplicita la nostra presenza e coinvolgere meglio i passanti.

Il prossimo appuntamento, invece, è per il 16-18 ottobre a Bra (CN) in occasione di Swith on Future, “chiamata alle arti”, laboratorio di creatività giovanile che comprende mostre, concerti, workshop».

Previous post

Quando la fotografia è etica

Next post

Libertà di espressione, i muri di Tunisi parlano