Home»Agenda»Ruanda: torna la mostra di Cossu e Lafontaine che trionfò al Prix Italia

Ruanda: torna la mostra di Cossu e Lafontaine che trionfò al Prix Italia

0
Shares
Pinterest Google+

Il Caffè dei giornalisti aveva seguìto da vicino la vicenda di Ruanda 20 anni dopo: Ritratti del Cambiamento, il lavoro del documentarista Giordano Cossu che si era aggiudicato il Prix Italia 2014. Dal 21 marzo al 21 aprile 2019, Cossu torna a esporre la sua mostra. Questa volta a Roma, presso la Banca Fideuram, in via Cicerone 54/b. 

Il progetto esplora la vita e la riconciliazione in Ruanda a distanza di 20 anni dal genocidio del 1994. Giordano Cossu, giornalista, e Arno Lafontaine, fotografo, hanno percorso il Ruanda nel 2013 e 2014 dialogando con decine di ruandesi del mondo rurale, e prendendone un ritratto con tecnica Polaroïd. Ogni foto è quindi unica, e ha permesso di rompere barriere e affrontare il delicato tema della riconciliazione in modo intenso e privo di pregiudizi.

Il progetto è oggi riproposto per il 25° anniversario del Genocidio, che esplora la vita e la riconciliazione in Ruanda in modo intenso e privo
di pregiudizi. Cossu ha inteso dare voce a quella tragica memoria e alla vita di oggi in Ruanda; il suo sodale, Lafontaine, ha sviluppato una passione per l’arte di catturare un momento attraverso foto istantanee, lontano dal concetto di fotografia digitale.

Il progetto, prodotto da Hirya Lab, comprende anche due webdocumentari e un documentario sulla riconciliazione e la vita delle donne nel Ruanda di oggi. Tutte le informazioni sulla mostra sono contenute nell’evento Facebook dedicato. I pannelli fotografici, così come il libro fotografico, sono in vendita presso la mostra. 

Previous post

Turchia: più donne in diplomazia, ma pieni diritti e parità restano lontani

Next post

Ciavardini: dodici anni in Iran, per uno sguardo dall'interno