Home»Incontri del Caffè»Ruanda, 1994-2014

Ruanda, 1994-2014

0
Shares
Pinterest Google+

Tornano, con l’autunno, gli eventi firmati Caffè dei Giornalisti. Questa volta abbiamo deciso di portare a Torino, convinti del valore culturale e sociale dell’iniziativa, Ruanda 20 anni dopo, ritratti del cambiamento: si tratta di un prezioso progetto cross-media di Giordano Cossu, con le foto di Arno Lafontaine, che comprende non solo una mostra fotografica ma un web-documentario e un documentario TV, prodotto da Hirya Lab in coproduzione con RFI (Radio France Internationale), France 24 e La Stampa.

La mostra sarà aperta fino all’8 ottobre ma il vernissage, a cui invitiamo tutti gli amici del Caffè, è fissato per mercoledì 24 settembre alle ore 18, presso palazzo Saluzzo Paesana, a Torino. Interverranno l’autore del progetto, Giordano Cossu, e il direttore de La Stampa, Mario Calabresi.

La scelta del Ruanda è stata agevole, per noi. Come saprete, proprio nel 2014 ricorre il ventennale del genocidio in Ruanda e il ricordo di quell’orribile massacro rimane vivo nella memoria collettiva del popolo ruandese. Ed è proprio per questo motivo che Giordano Cossu, giornalista e documentarista, ha attraversato il Paese tra agosto e dicembre 2013, in compagnia del fotografo Arno Lafontaine, per incontrare e dialogare con decine di ruandesi del mondo rurale nel tentativo di dar voce a quella memoria e portare alla nostra attenzione la vita di oggi in Ruanda in modo vero, intenso, privo di pregiudizi.

Ci teniamo a segnalare, infine, che il brindisi dell’inaugurazione sarà approntato da LiberaMensa, cibi per menti libere, progetto che opera dal 2005 all’interno della casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino e che coniuga offerta di qualità e impegno sociale, tramite laboratori di produzione artigianali di gastronomia, pasticceria e panificio, per garantire lavoro, formazione e prospettive di reinserimento a un numero sempre maggiore di detenuti.

Tutte le informazioni per partecipare alla serata

Il sito ufficiale del progetto

Previous post

Rai: di tutto, di meno?

Next post

Il Financial cambia faccia