Home»Professione giornalista»Osservatorio Iraq, informazione e diritti umani

Osservatorio Iraq, informazione e diritti umani

0
Shares
Pinterest Google+
Cecilia Dalla Negra, vice direttore di Osservatorio Iraq
Cecilia Dalla Negra, vice direttore di Osservatorio Iraq

Un’informazione dal basso, costruita attraverso relazioni umane e poi professionali, con associazioni, organizzazioni e movimenti della società civile che lottano nei propri paesi per il rispetto dei diritti umani, civili e politici. Questo lo scopo di Osservatorio Iraq – Medio Oriente e Nord Africa  testata giornalistica nata nel 2004 grazie all’associazione Un ponte per… per creare uno strumento di informazione, sull’Iraq. La testata, gestita da Memoriente, una cooperativa di giornalisti e ricercatori indipendenti allarga lo sguardo su tutta la regione, alla ricerca di quegli aspetti cruciali che in Italia non fanno notizia.

“La nostra iniziativa editoriale nasce e si sviluppa con l’obiettivo di recuperare il senso di un’analisi critica, che proponga quale oggetto della sua narrazione le contraddizioni, le evoluzioni e le speranze condivise da entrambe le sponde del Mediterraneo, nella consapevolezza che le sfide sono ormai diventate comuni – così si presenta Osservatorio IraqCrediamo in un’informazione attenta alla forma e alla sostanza, che non si limiti a ‘informare’ ma che sia capace di analizzare e approfondire quegli aspetti sociali, economici e politici che spiegano ogni notizia, con particolare riguardo al rispetto dei diritti umani e alle specificità culturali di ogni contesto. Crediamo nel nostro progetto e nel valore aggiunto dato dall’indipendenza editoriale, intellettuale ed economica che lo caratterizza”.

logo osservatorio iraqCecilia Dalla Negra, vice-direttore di Osservatorio Iraq – Medio Oriente e Nord Africa, interviene all’incontro Reportage dall’Iraq, organizzato dal Caffè dei Giornalisti, giovedì 23 aprile a Torino. Nel contesto mediorientale Dalla Negra ha approfondito in particolare la questione palestinese e le dinamiche di genere. In passato ha lavorato come freelance per diverse testate, ed è stata assistente di Luisa Morgantini, ex vice presidente del Parlamento Europeo. Per Osservatorio Iraq si occupa di Palestina, Tunisia, questioni di genere e movimenti femminili.
o-UN-PONTE-PERUn ponte per… è un’associazione di volontariato per la solidarietà internazionale nata nel 1991 dopo la fine dei bombardamenti sull’Iraq e l’inizio dell’embargo, con lo scopo di promuovere iniziative di cooperazione a favore della popolazione irachena colpita dalla guerra. Da allora lavora per prevenire nuovi conflitti, in particolare in Medio Oriente, in Serbia e in Kosovo, attraverso campagne di informazione, scambi culturali e progetti di cooperazione internazionale, in collaborazione con le organizzazioni della società civile dei paesi in cui opera. Conta circa 400 soci e 6 comitati locali in diverse città italiane.

Previous post

I documentari di Laura Silvia Battaglia

Next post

Maria Camilla Brunetti e la sfida di Reportage