Home»Agenda»Lipsia award, per la libertà e il futuro dei media

Lipsia award, per la libertà e il futuro dei media

0
Shares
Pinterest Google+
Il filmmaker iraniano Jafar Panahi, vincitore 2015
Jafar Panahi, vincitore del Premio 2015

La Media Foundation of Sparkasse Leipzig è impegnata nel mantenere viva la memoria della rivoluzione pacifica che ha avuto luogo in Germania dell’Est nel 1989: in quel momento, la libertà di parola e la libertà di informazioni senza restrizioni attraverso una stampa libera e indipendente sono state le richieste chiave da parte degli attivisti e della società civile.

La Fondazione, attraverso l’assegnazione annuale del “Premio per la libertà e il futuro dei media”, vuole quindi sostenere la libertà di stampa e con essa il ricordo degli eventi del 1989.

La difesa della libertà di stampa è oggi più importante che mai. Anche nelle società libere è in pericolo: i modelli di soppressione delle informazioni stanno diventando sempre più sottili e meno diretti, ma non per questo meno pericolosi.

Il giornalista turco-tedesco Nedim Sener, vincitore 2015
Il giornalista turco-tedesco Nedim Sener, vincitore 2015

Con il “Prize for the freedom and future of the media”, la Fondazione vuole premiare giornalisti illustri, editori e istituzioni dei media di tutto il mondo che si sono impegnati nella protezione e promozione della libertà di stampa, mostrando una propensione al rischio, all’impegno personale, alla persistenza, al coraggio e una ferma convinzione nella democrazia.

La cerimonia di premiazione si svolge ogni anno ad ottobre, a ricordare gli eventi dell’autunno del 1989.
Da poco si è conclusa la premiazione del Premio 2015, che l’8 ottobre ha assegnato il premio al turco-tedesco Nedim Şener e all’iraniano Jafar Panahi.
“Quest’anno, la situazione dei giornalisti e dei media indipendenti si è ulteriormente deteriorata in molte parti del mondo”, ha spiegato il direttore del premio Harald Langenfeld, ma “Jafar Panahi, filmaker iraniano, ha visto il suo lavoro come un contributo alla liberalizzazione del suo paese, nonostante la censura e i divieti di pubblicazione, ha sempre cercato di trovare una via per mostrarci un Iran differente e contraddittorio”, ha dichiarato la giuria.

“Con i suoi libri, le sue ricerche e inchieste, Nedim Sener, uno dei più rinomati giornalisti in Turchia, ha sempre rivelato le connessioni tessute con delicatezza, tra tra Stato, servizi di intelligence e autorità giudiziarie”, ha aggiunto la giuria.

E ora il Premio guarda all’edizione 2016, la cui premiazione avverrà l’8 ottobre 2016: sono già aperte le candidature e sarà possibile presentare i propri lavori fino al 29 febbraio 2016.

Per candidature e informazioni:
Medienstiftung der Sparkasse Leipzig
Menckestr. 27
D-04155 Leipzig

Tel: +49 (0)341.562 96 61
Fax: +49 (0)341.562 96 63
E-Mail: info@leipziger-medienstiftung.de

Previous post

150 milioni per il giornalismo digitale innovativo

Next post

Giornalisti coraggiosi