Home»Agenda»“La verità brucia” a Riccione

“La verità brucia” a Riccione

0
Shares
Pinterest Google+

Dig Award_Le Giornate del GiornalismoAl via a Riccione “Le giornate del giornalismo”: tre giorni di eventi dal 4 al 6 settembre dedicate al giornalismo d’inchiesta.
Al motto di “LA VERITA’ BRUCIA” l’associazione Dig ha organizzato una nutrita serie di appuntamenti – tutti a ingresso libero – per provare a restituire al ruolo del giornalismo la sua peculiare essenza, che è quella della ricerca della verità.
Il calendario dei panel è ricco sia per la varietà dei temi, sia per la presenza di grandi firme del reportage internazionale. Si discuterà di contrasto alla criminalità organizzata e di educazione alla legalità con alcuni cronisti in prima linea: Fabio Abati, Daniele Autieri, Claudio Cordova, Pino Maniaci e Giovanni Tizian.
Si parlerà di nuovi format televisivi del giornalismo d’inchiesta, con la partecipazione di Sarah Varetto di SkyTg24, Bernardo Iovene di Report, Alexandre Brachet di Upian, Marco Nassivera di Arté.
Ma anche di truffe nel mondo del calcio, di storytelling con Kevin Sutcliffe, Martina Veltroni e Valerio Bassan di Vice News, di fondamentalismo islamico con Monica Maggioni, Elisabetta Rosaspina del Corriere della Sera, Renato Coen di SkyTg24, Toni Capuozzo e l’esperto di terrorismo Marco Lombardi.

Imprescindibile l’appuntamento con l’impegno civile, occasione “per non dimenticare”, con la rassegna “Memorie di Carta. I black files della Repubblica Italiana”, dedicata a Mauro Rostagno e Aldo Moro.
Spazio poi all’alta formazione sul giornalismo per professionisti, freelance e specialisti della comunicazione con 22 workshop incentrati sul giornalismo investigativo.

E ancora il concorso per premiare le migliori inchieste dell’anno: 14 i progetti finalisti dei DIG Award, realizzati da giornalisti provenienti da tutta Europa, dalle opere giornalistiche video della sezione “Video reporting” ai lavori digitali della sezione “Crossmedia reporting” e alle inchieste sul nostro Paese nella sezione “Focus on Italy”.
Saranno consegnati due riconoscimenti speciali: il Premio Coop “Cibo, Consumi e Ambiente” e il Premio DIG Data per il miglior lavoro di data journalism.
Uno sguardo anche ai lavori dei reporter emergenti, con i vincitori del Premio Roberto Morrione e del Premio Dymove, promosso dall’Associazione Carta di Roma.

In programma anche molti spettacoli: il concerto-performance dei C’mon Tigre, il live show del Terzo segreto di satira, la pièce in anteprima “Le buone maniere” sulle vicende criminali della Banda della Uno Bianca con l’accompagnamento musicale del duo Bologna violenta, la proiezione del documentario d’autore “The forecaster”, che ricostruisce la storia del genio della finanza Martin Armstrong, perseguitato dalla giustizia americana, l’inagurazione della mostra personale di Livio Senigalliesi “Boat People, Boat Dreams”, ospitata a San Marino, retrospettiva fotografica con uno dei maestri del fotoreportage per riflettere sul rapporto tra italiani e migranti.

Dal 4 al 6 settembre, dunque, piazzale Ceccarini si sveste della sua aura di mondanità per travestirsi da salotto della comunicazione attento ai temi più caldi della nostra attualità.

Per il programma completo: www.associazionedig.com

Previous post

Egitto: i media sotto pressione

Next post

Un premio per il giornalismo scientifico