Home»Professione giornalista»La Stampa Academy, scuola d’innovazione

La Stampa Academy, scuola d’innovazione

0
Shares
Pinterest Google+

La Stampa Academy è un laboratorio di giornalismo d’innovazione, un progetto de La Stampa in collaborazione con Google, che si rivolge a studenti di giornalismo, ingegneria informatica, grafica e ai giovani professionisti fino ai 35 anni. È un’accademia in cui imparare a progettare e sviluppare a sviluppare nuovi contenuti di giornalismo digitale (visual journalism e data-driven journalism).

Un duplice obiettivo per il progetto: da un lato formare, dall’altro sperimentare la collaborazione tra figure professionali diverse per la realizzazione di contenuti giornalistici innovativi. Uno spazio gratuito di addestramento al data-driven journalism e al visual journalism, abilitato dal laboratorio giornalistico di La Stampa e dall’esperienza e dalle soluzioni sviluppate da Google. Una “startup di giornalismo digitale”, quindi, in un momento in cui il giornalismo non può che innovarsi.

Nato nell’ambito di MediaLab, il laboratorio de La Stampa che sperimenta nuove modalità di fare informazione, La Stampa Academy è un progetto tutto italiano, che prevede lezioni dal vivo presso la sede torinese de La Stampa e online su Google+ in Hangout, e lavoro di gruppo per la realizzazione di progetti multimediali.

A portare la propria esperienza saranno professionisti dell’informazione e del web di alto livello: Guido Romeo, esperto di data journalism, parlerà di “storie che solo i dati possono raccontare”, in collaborazione con Wired.it; Paolo Conti (Visiwa) spiegherà il mondo delle infografiche e del visual journalism; Case history sarà il quotidiano britannico The Guardian, in collaborazione con la redazione di Londra; saranno previsti collegamenti con il quartier generale di Google a Mountain View e con Google Italia, per approfondire l’uso delle varie piattaforme e degli strumenti di Google per i media. Le informazioni di base per creare una startup e i temi della privacy saranno discussi a cura di Giuffrè Editore e Fisco Più.
Gianni Riotta, editorialista de La Stampa e il professor Alessandro Chessa dell’IMT Institute for Advanced Studies di Lucca, affronteranno il ruolo dei Big Data.

Per iscriversi basta possedere un profilo Google+ e chiedere di entrare nella community “La Stampa Academy. Una volta accettato dall’amministratore della community, l’utente dovrà inviare un messaggio privato a “La Stampa Academy” indicando il team con il quale accedere alla fase II. Laddove ci fossero partecipanti che non hanno un team, sarà cura degli amministratori formare eventuali gruppi.

La prima fase prenderà il via a metà gennaio e durerà fino a fine febbraio. Al termine inizierà la seconda fase, con l’obiettivo di selezionare tre team che avranno la possibilità di sviluppare progetti di data journalism per La Stampa. I progetti saranno remunerati sulla base di budget prestabiliti, andranno a far parte del MediaLab e saranno pubblicati sul sito e/o sul giornale.

Leggi il regolamento

Elisa Gallo

 

Previous post

Media e "rivoluzione del Nilo"

Next post

Giornalismo del 2014