Home»Incontri del Caffè»Islam e giornalismo: come ce lo raccontano?

Islam e giornalismo: come ce lo raccontano?

13
Shares
Pinterest Google+

Dall’attacco alle Torri Gemelle alla comparsa dell’Organizzazione dello Stato Islamico, quanto i mass media hanno contribuito ad alimentare una propaganda islamofoba nel mondo occidentale?

A questa domanda proveremo a rispondere con un appuntamento che abbiamo messo sotto il cappello “Aspettando Voci Scomode“, l’evento del Caffè in scena ogni anno a Torino a fine novembre. Parleremo insieme di come l’informazione italiana tratta e concepisce il suo rapporto con l’Islam e, per farlo, abbiamo invitato giornalisti, fotoreporter e film-maker come Laura Silvia Battaglia, Stefania Miretti, Tiziana Ciavardini, Andreja RestekSherif El Sebaie.

Introdurranno l’incontro la presidente del Caffè Rosita Ferrato e Stefano Tallia, segretario dell’Associazione Stampa Subalpina. A moderare Beppe Gandolfo, consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

L’incontro è valido per l’obbligo formativo dei giornalisti e la partecipazione assegna 4 crediti. Iscrizioni su Piattaforma Sigef. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. Chi non è giornalista e desidera comunque partecipare, può inviare una mail con nome e cognome a eventi@caffedeigiornalisti.it

 
ISLAM E GIORNALISMO 
Immagini, racconti e manipolazioni sui   media italiani  

Torino | giovedì 28 settembre 2017  | Ore 14,30 – 18,30
Circolo della Stampa, Palazzo Ceriana Mayneri | Corso Stati Uniti 27

Previous post

Laura Tangherlini, giornalista e sposa siriana

Next post

Fare il giornalista - meglio se pensionato - in Portogallo