Home»Agenda»Il futuro della TV al Festival tra le colline

Il futuro della TV al Festival tra le colline

0
Shares
Pinterest Google+

tv1Dialoghi per il futuro, questo il titolo della quarta edizione del Festival della TV e dei Nuovi Media che si apre oggi a Dogliani (CN). Fino a domenica sulle colline delle Langhe si riuniscono i protagonisti del mondo dei media: autori, editori tradizionali e professionisti dell’universo multimediale, produttori e star del piccolo schermo. Oltre 70 ospiti, che partecipano tutti gratuitamente, trasformano Dogliani in un laboratorio in cui pensare e discutere la televisione di oggi e quella del futuro. Dal racconto delle più importanti carriere televisive fino ai più piccoli esperimenti sui social media, gli smartphone, i tablet, le Web Tv e lo stile comunicativo in una società connessa 24 ore su 24.
tv15Portano le loro esperienze i direttori dei principali quotidiani italianiMario Calabresi, Claudio Cerasa, Ezio Mauro, Roberto Napoletano –, il Direttore Generale della Rai, Luigi Gubitosi, e alcuni Direttori di rete, come Andrea Vianello.

Un focus sarà dedicato, sabato 9 maggio, alle serie Tv: a parlarne per Sky Andrea Scrosati, Executive Vicepresident Programming, Cinema, Entertainment, News&Partner Channels, SKY Italia, Eleonora Andreatta, Direttore di rai Fiction, insieme ai principali produttori italiani, Pietro Valsecchi, Matilde Bernabei e Riccardo Tozzi.
Ampio spazio al cibo, ospite di riguardo è infatti Carlo Petrini e, recependo il suo monito ad occuparsi del cibo come nutrimento del corpo e della mente, è stata allestita quest’anno una seconda piazza dove vengono affrontati sia temi legati al cibo come tema di successo dei media sia argomenti legati all’innovazione. Ancora cibo e il suo rapporto con i media negli incontri con gli chef di fama internazionale, da Gualtiero Marchesi ad Antonino Cannavacciuolo, Davide Oldani e Massimo Bottura.

logo_festivaltvIl Festival, accessibile e completamente gratuito, è diventato un appuntamento importante nel panorama culturale italiano. Lo confermano i dati della passata edizione: 63 ospiti, un pubblico di oltre 30.000 persone, 295 giornalisti accreditati, 300 pagine di rassegna stampa, 30 ore di diretta Sky e la diretta streaming dell’evento.

L’edizione 2015 guarda al futuro, “perché solo attraverso la volontà di dialogare e di comprendere le ragioni del prossimo si può immaginare un progresso per il futuro – spiegano gli organizzatori – ma abbiamo dedicato una serie d’incontri all’importanza della memoria e della storia con la speranza che lo stesso spirito di “Liberazione” e “Ricostruzione” che 70 anni fa riuscì a farci riemergere dalla barbarie della II guerra mondiale possa essere da stimolo ai giovani che soffrono la mancanza delle promesse delle generazioni che li hanno preceduti”.

tv41Tra le novità 2015 vi è l’app FestivalTV per android e ios, realizzata da Vodafone Italia, che fornisce in tempo reale tutte le informazioni di servizio relative all’evento (orari, programma, ospiti, ecc.). L’app è scaricabile gratuitamente con QR Code o attraverso market Android e iOS, oppure può essere richiesta inviando un SMS con scritto <APP> al numero +39 3404399444.

Previous post

Tenerezza e guerra, fotogiornalismo dalla Siria

Next post

Il Grande Fratello prende casa a Parigi?