Home»Agenda»Fotografare il ritmo della vita

Fotografare il ritmo della vita

0
Shares
Pinterest Google+
Bear proposal, di Matjaz Tancic, Slovenia. Un orso aspetta di proporsi, all'aeroporto di Pechino
Bear proposal,
di Matjaz Tancic, Slovenia.
Un orso aspetta di proporsi, all’aeroporto di Pechino

Ultimi giorni, fino al 6 settembre, per partecipare al concorso fotografico On the go, promosso dalla Fondazione Asia-Europa (ASEF) per celebrare il 20° anniversario del vertice Asia-Europa.

Il tema del concorso è lo stile di vita: somiglianze e differenze nel ritmo della vita in Asia e in Europa, come illustrare quei momenti così diversi eppure così simili? Lo diranno le fotografie realizzare da fotografi professionisti e non provenienti dai 53 paesi asiatici ed europei che compongono l’ASEF . Due vincitori saranno selezionati da una giuria internazionale (composta da Gisli Snaer, capo della scuola di film di Putnam; Gwen Lee, direttore del Festival internazionale di fotografia di Singapore e Stefen Chow, fotografo), un vincitore aggiuntivo sarà selezionato dal voto online.

I vincitori, e un’ulteriore selezione di foto, saranno poi pubblicati in un libro fotografico ed esposti in una mostra, che verrà inaugurata a margine del 12° Meeting dei Ministri degli Esteri che si terrà a novembre, a Lussemburgo. La mostra sarà poi in tour in tutta l’Asia e l’Europa. Le prime tappe saranno Singapore, Belgio e Mongolia.

Per partecipare al concorso si può compilare il modulo online. Tra i partecipanti anche alcuni italiani, si possono vedere tutte le foto e votarle online.

Take a break di Maurizio Cofini, Italy. Un autista vietnamita si riposa sull'amaca con il suo smartphone.
Take a break
di Maurizio Cofini, Italy.
Un autista vietnamita si riposa sull’amaca con il suo smartphone.

La Fondazione Asia-Europa (ASEF) promuove una maggiore comprensione reciproca tra l’Asia e l’Europa attraverso scambi intellettuali, culturali e tra le persone. È stata fondata nel 1997 e da allora ha realizzato più di 650 progetti, coinvolgendo oltre 17.000 partecipanti, raggiungendo un pubblico molto ampio in Asia e in Europa. ASEF è la sola istituzione dell’ASEM organizzata permanentemente ed è finanziata da contributi volontari dei governi membri, condivide il finanziamento dei suoi progetti con i partner della società civile in tutta l’Asia e l’Europa.

Previous post

Termini Tv: una web tv per raccontare il mondo in transito

Next post

Aprite l'Europa