Home»Babelmed»Ebticar-Media, gli 8 progetti vincitori

Ebticar-Media, gli 8 progetti vincitori

0
Shares
Pinterest Google+

ebticar-2015I 22 finalisti del progetto Ebticar-Media sono stati accolti a Beyrouth dal 2 al 6 giugno 2015 per presentare i loro progetti per la selezione finale.

Ebticar-Média è realizzato da CFI agenzia francese di cooperazione media, con il sostegno finanziario dell’Unione Europea, in patenariato con il portale mediterraneo Babelmed (Italia), le fondazioni Samir Kassir (Libano) e Anna Lindh (Egitto) e con il supporto tecnico di Expertise France e vuole sostenere lo sviluppo dei media online in Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Territori palestinesi, Libano, Giordania e Siria.

Si iscrive nel quadro del programma 4M, giornalismo e media sociali, sviluppato da tre anni da CFI nel mondo arabo, in Africa, nei Balcani, nei paesi del Caucaso e nel sud est asiatico, propone incontri, formazione, consigli e accompagnamento tecnico ed editoriale ai media online tradizionali o pure-players.

Queste giornate sono state anche l’occasione per i partecipanti, di assistere a incontri con i professionisti del settore dei media e di confrontarsi con i vincitori del premio Samir Kassir 2015.

Articolo ripreso da Babelmed vai al sito
Articolo ripreso da Babelmed vai al sito

La giuria composta da CFI, dai suoi partner Babelmed, la fondazione Anna Lindh e la fondazione Samir Kassir, e dall’esperto Laurent Giacobino (autore di Panorama dei media online) ha selezionato gli otto progetti vincitori:

Bassita / ÉgypteThe Clickfunding

Enab Baladi / SyrieSyrian Publications Archive

Gudran for Art and Development / ÉgypteTura al-Bahr

H2O for supporting democratic transition and engagement of youth / LibyeEye on Municipality Platform

Mideast Youth / Régional Mideast Tunes Radio

Pulse media / Maroc Le desk (V.2)

SyriaUntold / SyrieCities in Revolution

Talent Factory / Algérie Sylabs

Alternative per un mondo differente, sezione Tunisia, finalista Ebticar, inoltre è stato scelto dalla giuria come prestatore di servizi, Alternative interviene in veste di esperto sulla cyber-sicurezza.

Le iniziative scelte riceveranno nel 2015-2016 un accompagnamento da parte di CFI e un sostegno finanziario tra 45000 e 60000 euro ognuna.

Previous post

10 punti per comunicare le sfide globali

Next post

Media e Ong, collaborazione possibile