Home»Incontri del Caffè»DevReporter, giornalismo e cooperazione

DevReporter, giornalismo e cooperazione

0
Shares
Pinterest Google+

devreportercmy1-copy1Giornalisti, ong ed enti locali, italiani e stranieri, provenienti da Francia, Spagna e diversi paesi del nord Europa si confrontano sui temi dell’informazione al secondo Forum Internazionale di DevReporter Network che si tiene a Torino l’11 e 12 giugno.

Anche il Caffè dei Giornalisti, media partner dell’evento, è presente alla due giorni che ha come obiettivo quello di scambiare esperienze, migliorare la qualità e la quantità dell’informazione sulla cooperazione internazionale e stendere la bozza di un Vademecum per un’informazione corretta su questi temi.

Tanti gli ospiti speciali, come come Ahmad Ashour, di Al Jazeera Public Liberties & Human Rights, Chris Arsenault, di Thomson Reuters Foundation, Ziad Maalouf di Radio France International, Cristina Mas di ARA, Ellen de Lange di OneWorld e molti altri.

Perché un Forum su questi temi? «Le sfide dello sviluppo globale divengono sempre più complesse, urgenti e interrelate tra di loro – sostiene Umberto Salvi, presidente del Consorzio Ong Piemontesi, promotore per l’Italia di DevReporter Network – Per questo è di estrema importanza fornire un’informazione corretta, tempestiva e comprensibile al grande pubblico».

2013-12-05 055Realizzato in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, l’Associazione Stampa Subalpina, la Regione Piemonte, l’Università di Torino, il CoCoPa, Concord e il Centro Studi Africani, il Forum si tiene all’Arsenale della Pace e si struttura su due giornate: la prima è dedicata al “DevReporter Open Space”, esposizione interattiva e luogo di scambio di buone prassi aperto al pubblico, cui seguiranno workshop per giornalisti e operatori della cooperazione per stilare un Vademecum di raccomandazioni per una buona informazione sulla cooperazione internazionale e lo sviluppo (partecipazione tramite iscrizione a cop@ongpiemonte.it).

In serata si svolge la premiazione dei vincitori del bando DevReporter Grant, che ha destinato contributi fino a un massimo di 5.000 euro per finanziare reportage realizzati da organizzazioni della cooperazione e da giornalisti.

Nella seconda giornata si tiene invece una Tavola rotonda pubblica: “Development journalism: come informare il grande pubblico sui temi dello sviluppo e della cooperazione internazionale” che permette anche il riconoscimento di 4 crediti formativi per i giornalisti (iscrizione per i giornalisti dal sito SIGeF, partecipazione libera per tutti gli altri).

2014-10-30 007Il Forum è parte del progetto Dev Reporter Network, cofinanziato dall’Unione Europea con 854.000 euro su un budget totale di oltre un milione di euro in tre anni: una rete transregionale (Catalogna, Rodano-Alpi e Piemonte) di giornalisti, universitari e professionisti della comunicazione delle strutture di solidarietà internazionale. Favorendo lo scambio continuo tra i vari attori del progetto DevReporter Network vuole migliorare la qualità della comunicazione sui temi della cooperazione internazionale e dello sviluppo e vuole aiutare il pubblico di comprendere meglio le questioni relative a questi temi: com’è cambiata l’immagine delle azioni di solidarietà internazionale negli anni, come le informazioni influenzino il parere del pubblico, qual è la visione della solidarietà internazionale che viene veicolata dai mezzi informativi e dagli attori dello sviluppo.

Capofila del progetto è la Federazione catalana di ONG per lo sviluppo  formata da 85 organizzazioni che lavorano nell’ambito della solidarietà e della cooperazione internazionale. Gli altri partner sono il francese RESACCOP che dal 1994 informa, sostiene e consiglia associazioni enti e scuole della regione Rodano-Alpi sulla solidarietà internazionale, e il Consorzio delle ONG Piemontesi (COP), che conta 33 organizzazioni, operative in oltre 90 Paesi in tutto il mondo, circa 100 collaboratori, 1000 volontari in Piemonte e 70 impegnati all’estero. Dispone di un team di coordinamento e di assistenza tecnica, e di una serie di gruppi di lavoro su base geografica (Africa sub-sahariana, America Latina, Mediterraneo, ecc.) e tematica (formazione, istruzione della cittadinanza mondiale, cooperazione decentrata della sanità, immigrazione).

Previous post

2 giugno: la Costituzione vive?

Next post

Glocal Ambiente: media, mare e territorio