Home»Agenda»Controsenso, il festival della comunicazione

Controsenso, il festival della comunicazione

0
Shares
Pinterest Google+

cropped-Logo-ControSenso-Festival-comunicazione6E’ tempo di festival anche in Abruzzo, in provincia de L’Aquila, dove dall’8 al 10 luglio si terrà #ControSenso, festival della comunicazione organizzato dal gruppo LiveQuotidiani di AbruzzoLive e MarsicaLive. Giunto alla terza edizione, Controsenso è un evento culturale e giornalistico autofinanziato, promosso da giovani e dedicato ai giovani, con ospiti del mondo della cultura, dei media e della politica regionale e nazionale.

I temi che coinvolgeranno i partecipanti saranno quelli di grande attualità, quali il mondo del web, l’ambiente, il turismo, i social media, la politica, ma anche il jobs act e il ruolo dei mass media, come raccontare le catastrofi e come la crisi economica, l’immigrazione e le leggi sul web.

Il festival si svolgerà tra Avezzano, Tagliacozzo e Sante Marie. Sui palchi e le prestigiose location si alterneranno giornalisti, scrittori, amministratori, esperti di comunicazione che, in staffetta, dal mattino alla tarda serata, incontreranno il pubblico e la stampa.

Vittorio Sgarbi, il direttore del settimanale l’Espresso Luigi Vicinanza, il senatore ed ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, sono solo alcuni nomi dei 40 ospiti previsti nel programma.

Nei seminari, sono previsti il riconoscimento dei crediti per i giornalisti e per gli avvocati.

Ci sarà spazio per la presentazione di libri e incontri con gli autori ma anche per testimonianze e interviste.

La giornata conclusiva, venerdì 10 luglio sarà dedicata all’#arena dove gli amministratori regionali saranno coinvolti in un dibattito sulle esigenze del territorio.

Il programma completo con tutti gli ospiti è disponibile sul sito www.controsenso.eu.
E per chi non potrà essere fisicamente presente, AbruzzoLive proporrà la diretta streaming sul web.

L’hashtag per seguire la manifestazione su Facebook, Twitter e Instagram è #ControSenso.

Previous post

Pronta la manovra Inpgi

Next post

Indipendenza dei media, si mobilitano i giornalisti