Home»Professione giornalista»Cinque chiavi per essere protagonisti nel giornalismo del futuro

Cinque chiavi per essere protagonisti nel giornalismo del futuro

14
Shares
Pinterest Google+

Che cosa c’è nel futuro del giornalismo? Secondo un recente studio del Reuters Insitute ci sono cinque concetti fondamentali che è necessario conoscere per comprendere e cavalcare i cambiamenti della società e del ruolo di chi fa informazione. In via preliminare, bisogna tenere conto del quadro generale: i problemi dovuti alla crescente disuguaglianza delle informazioni, il fatto che i modelli di business del giornalismo siano in crisi e il ruolo centrale dei social media. Le “cinque cose che tutti dovrebbero sapere sul futuro del giornalismo” riflettono i cambiamenti della professione, il modo in cui le persone accedono alle notizie e il mercato stesso dell’informazione. Quali sono?

Punto uno. Siamo passati da un mondo in cui i media erano a guardia dell’informazione a uno in cui, pur continuando a creare l’agenda delle notizie, sono tuttavia le piattaforme quelle che controllano l’accesso al pubblico. Ma – punto due – questo passaggio ai media digitali generalmente non si basa su filtri appropriati, anzi, il fatto di ricevere le informazioni in modo molto casuale e la fruizione incidentale delle stesse guidano le persone verso fonti sempre più diversificate.

Da questo deriva il punto tre: il giornalismo sta perdendo la battaglia per conquistare l’attenzione della gente, e in alcuni Paesi (come il nostro, purtroppo) sta perdendo anche quella per avere la fiducia del pubblico. Dal punto di vista del mercato, poi, i modelli di business che finanziano le notizie sono in crisi (punto quattro), e ciò indebolisce il giornalismo professionale e rende i mezzi di informazione più vulnerabili rispetto alle pressioni commerciali e politiche. La ricerca evidenzia che, a tutt’oggi, la maggioranza dei giornalisti di professione è ancora finanziata dai giornali. Gli editori continuano a realizzare il 90% del fatturato dalle copie cartacee. Ma questo modello di business è superato e perdente, perché di quotidiani e riviste se ne vendono sempre meno e le redazioni sono sempre più vuote: è necessario, quindi, che i giornalisti cerchino altre forme di finanziamento del loro lavoro, che non passino più per la stampa, le copie vendute e senza fare troppo affidamento sui ricavi dei giornali in formato digitale, che stanno crescendo molto lentamente.

E così si arriva al punto cinque: oggigiorno, nonostante la crisi e la contrazione dei ricavi, le notizie sono più varie che mai e il giornalismo migliore in molti casi è il migliore che ci sia mai stato, e si occupa di tutto, dai politici più potenti alle più grandi aziende private. Il problema di oggi, semmai, è che la politica degli editori di taglio del costi e la crescente pressione a produrre sempre più storie e sempre più spesso, con cicli di notizie che lavorano 24 ore al giorno, hanno rappresentato una spinta verso la superficialità del giornalismo. Ma i giornalisti più bravi di questa epoca sono, con ogni probabilità, i migliori che ci siano mai stati sul mercato delle notizie.

Il Rapporto sostiene che queste cinque tendenze si svilupperanno – con variazioni dovute al contesto culturale, economico, politico e sociale – in tutto il mondo negli anni a venire. E avranno un impatto sul lavoro dei giornalisti professionisti come sul pubblico: «I media digitali creano molte sfide per il giornalismo e per le nostre società, ma anche opportunità molto reali sia per i media sia per il pubblico – dice Rasmus Kleis Nielsen, coautore del rapporto e direttore del Reuters Institute for the Study of Journalism. La sfida, per giornalisti ,è quella di adattarsi ai media digitali, ormai utilizzati ovunque a scapito della stampa e della tivù, e costruire una professione e un business adatti al futuro».

Secondo la giornalista Meera Selva, l’altra coautrice del rapporto e direttrice del Journalism Fellowship Programme, «il ruolo del giornalismo in molti casi, incluso il movimento #MeToo, o casi di corruzione tra funzionari pubblici o nel dibattito pubblico sul potere delle aziende private, sottolinea come sia ancora importante il ruolo dell’indagine investigativa».

 

Previous post

La vittoria di Khadija Ismayilova contro il governo liberticida

Next post

Digitalife: il docufilm che racconta come la Rete trasforma la vita