Posts In Category

Sponde del Mediterraneo

Liliah Zaouali, scrittrice, antropologa, sociologa, vive fra Biserta, Roma e la Francia e ama definirsi “tunisina d’Europa”. Questo perché, afferma, il Mediterraneo è una regione ampia, con connessioni continue. È stata invitata a Torino per un incontro di formazione per i giornalisti e parla del suo Paese, della rivoluzione e del periodo successivo, ma anche di media tunisini, che “dopo …

Le sue parole hanno la forza dirompente del coraggio, velate della disperazione di chi ha molto da perdere. “Liberate al più presto mio marito dalle prigioni saudite e fate terminare i colpi di frusta“: si rivolge così alla comunità internazionale Ensaf Haidar, moglie del blogger saudita e attivista per i diritti umani Raif Badawi, arrestato il 17 giugno 2012 con …

Jumana Haddad, poetessa e docente universitaria in Libano, autrice di romanzi, tra cui “Ho ucciso Sharazade”, libro profetico per la visione della lotta femminile nelle rivoluzioni che subito dopo esplosero nel 2011 a partire dalla Tunisia, parla di libertà di stampa nel mondo arabo – grazie all’incontro organizzato dall’Ordine dei Giornalisti di Torino – qualche mese prima dei fatti di …

La condanna, lo sciopero della fame in prigione nella città di Mornaguia contro il regime di carcere duro, ora le manifestazioni pubbliche e (forse) una richiesta di grazia. La storia di Yassine Ayari è terribile: 33 anni, blogger tunisino, appassionato di politica e attivista per le libertà personali, è stato accusato e messo sotto processo per un post su Facebook nel …

Amina Sboui ha vent’anni. I capelli tagliati corti, un paio di sneakers ai piedi e dei jeans; un tatuaggio colorato sull’avambraccio, l’aria sfrontata e un acceso rossetto rosso sulle labbra. È una ribelle, una fumatrice accanita, una “cattiva ragazza”, con una sua forza e una sua fragilità. Da tempo sotto scorta, una vita già segnata da tante battaglie, arriva con due …

Un nuovo tributo di sangue pagato dai media: Nasib Karnaf, volto del network Al-Wataniya, è stata rapita e assassinata, presumibilmente dallo stesso gruppo di integralisti islamici che semina il terrore nella Libia del post Gheddafi. Altro capitolo della tragica saga di un mestiere che fa sempre più notizia per… i suoi martiri.

Incontriamo la giornalista egiziana Ethar El Katatney a Torino, dopo il 15 maggio passato al Circolo dei Lettori. Abbiamo approfondito la sostanza del suo lavoro, l’origine dei suoi reportage più noti, la storia della sua vita professionale e le abbiamo fatto raccontare un po’ di sé…