Posts In Category

Sponde del Mediterraneo

Per la sua seconda edizione, il concorso JJEM (Jeunes Journalistes en Méditerranée) espande la sua portata, invitando giovani registi sotto i 30 anni che vivono in Algeria, Egitto, Francia, Italia, Libano, Marocco e Tunisia a pubblicare sulla piattaforma Web Arts Résistances un video (tra i 6 e i 10 minuti) che documenti un’esperienza di impegno civico e artistico. Una giuria, composta …

Alessandro Bulgini, Fabio Bucciarelli, Diego Ibarra Sánchez e Gian Maria Tosatti: questi i quattro autori che la mostra Esodi e conflitti, il diritto alla speranza fa dialogare in un percorso che unisce linguaggi diversi: l’arte e il fotoreportage. Inaugurata a Torino il 30 marzo nell’ambito della Biennale della democrazia e visitabile fino al 20 maggio, la mostra è curata da Patrizia …

Gli spazi nobili ottocenteschi di Palazzo Ceriana Mayneri, per una sera, si trasformano in un salotto mediterraneo. Le note di un violino e una chitarra, accompagnati dalle percussioni di una darabouka ci accolgono e ci trascinano tra i vicoli di una medina, passando accanto alle stoffe e le spezie di un souk, giardini profumati, tavole imbandite di couscous, datteri e …

«Era notte e pioveva, quando hanno iniziato a sparare», così Wali Khan Norzai, 9 anni, ricorda di aver stratto la mano di suo padre e di aver iniziato il viaggio per superare il confine afgano. Poi, attraverso l’Iran e la Turchia è arrivato in Europa, in Inghilterra. Nel tragitto lui e suo padre hanno perso di vista la madre e …

Dai numeri ai volti. Un obiettivo concreto quello della mostra «Migranti: la sfida dell’incontro», presentata ieri alla Piazza dei Mestieri di Torino, dove rimarrà fino al 17 marzo. La parola chiave, come ha suggerito il curatore Giorgio Paolucci, è immedesimazione, ovvero la posizione umana originale del mettersi nei panni di un migrante, cercando nell’incontro una soluzione alternativa a muri, filo …

Incontrando Dilara Küçükerdoğan, giornalista dell’agenzia di stampa turca Anadolu, non si può non chiederle come sia cambiata la situazione dei media dopo il tentativo di colpo di Stato del 15 luglio 2016. Come ti senti? Hai paura, sei arrabbiata? «Il colpo di stato ha davvero cambiato molte cose in Turchia. Durante e dopo questo attentato le forze di sicurezza hanno …

Gli studenti preparati sono anche cittadini informati e dunque più consapevoli: con questa prerogativa si è svolto, al Campus Luigi Einaudi di Torino, il training di orientamento in preparazione della terza edizione di Voci scomode – Storie di chi sfida il potere, dedicata alla repressione della libertà di stampa in Turchia. Sono intervenuti Carlo Pallard, dottorando in Global e Political …