Posts In Category

Professione giornalista

Presentato il suo ultimo libro “L’Italie, Rome et moi”, Philippe Ridet, corrispondente di “Le Monde”, fa un collage delle sue impressioni del nostro Paese: dal “complesso di Calimero”, alla spettacolarità della scena politica, allo scarso senso della cittadinanza.

Come può sopravvivere l’editoria nel mondo digitale? Se lo sono domandati, nel convegno “Giornali tra numeri, social e mobile”, il direttore di Linkiesta Marco Alfieri, Claudio Giua del Gruppo L’Espresso ed Enrico Gasperini di Audiweb. La ricetta c’è, eppure… di Federico Ferrero

La presentazione del libro “Consenso” di Mario Rodriguez offre lo spunto per una riflessione sul rapporto tra mezzi di comunicazione, classe politica e cittadini. Non è grazie a internet o alla televisione che si vincono le elezioni. A vincere è il contenuto. Ma la politica ha bisogno di un linguaggio nuovo.

Le parole possono, nel cercare di descrivere, raccontare le donne e più in generale la questione femminile, essere offensive e discriminatorie? Se ne discute a Bologna durante un’iniziativa organizzata dal coordinamento GiULiA giornaliste dell’Emilia Romagna. 

Male assortiti, meno garantiti, sempre più poveri. Lo studio di Lsdi (Libertà di stampa, diritto all’informazione) sulla professione del giornalista restituisce un quadro preoccupante: mancano certezze e le retribuzioni, spesso, rasentano lo sfruttamento. Come rimediare?     di Federico Ferrero

I ricchi imprenditori della Silicon Valley si stanno innamorando dell’informazione di qualità: i mecenati del Terzo Millennio sono i proprietari di Amazon, eBay, Apple. Che investono denaro sonante in giornali storici e progetti editoriali innovativi, pur di preservare il futuro della notizia.

Quale rapporto tra stampa e finanza? Come hanno trattato la crisi i giornali? Qual è il ruolo dei media nel raccontare l’economia? Ma soprattutto perchè temi importanti vengono presentati in modo noioso, quasi esclusivamente per addetti ai lavori? Un dibattito promosso da Banca Etica.