Posts In Category

Libertà di stampa

Reporters without borders ha presentato il World Press Freedom Index 2015, l’Indice sulla libertà della stampa nel mondo, che analizza e ordina in una classifica 180 Paesi secondo criteri che includono il pluralismo dei mezzi di informazione, l’indipendenza, il rispetto per la sicurezza e la libertà dei giornalisti e il contesto legislativo, istituzionale e infrastrutturale nel quale i mezzi di informazione …

  È con grande rammarico che abbiamo appreso la notizia della strage nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo di Parigi. Con armi da guerra, alcuni uomini hanno attaccato la redazione e ucciso almeno 12 persone: otto giornalisti, due poliziotti, il fondatore del festival Carnet de Voyage, il portiere dell’edificio; dieci sono i feriti, di cui alcuni gravi. Giunto sul …

Reporters senza frontiere ha diffuso i dati definitivi del 2014 sulla libertà di stampa nel mondo, e sono numeri preoccupanti. Sono 66 i giornalisti, cui vanno aggiunti 19 citizen-journalists e 11 tra operatori e tecnici, che nel 2014 hanno perso la vita nell’esercizio delle loro funzioni. RSF conta, poi, 119 giornalisti rapiti, di cui 40 ancora in ostaggio; 853 giornalisti arrestati, 178 …

Creare una rete per la sicurezza dei giornalisti: questo l’obiettivo del progetto Safety net for European journalists promosso da Osservatorio Balcani e Caucaso, insieme a una rete di realtà impegnate nella difesa della libertà di stampa. E una piattaforma on line raccoglie le segnalazioni di violazioni.

La DG Connect lancia il progetto European Centre for Press and Media Freedom allo scopo di condurre ricerche e stimolare processi positivi sul tema della libertà di stampa e del pluralismo dei media. Tra i 5 istituti coinvolti, anche l’italiano Osservatorio Balcani e Caucaso.

La Corte di Strasburgo compensa una condanna rimediata da un giornalista svizzero dell’Illustré che aveva pubblicato notizie “segrete” e riafferma la prevalenza dell’interesse pubblico all’informazione. Un incidente stradale a Losanna nel 2003 diventa un caposaldo della giurisprudenza per chi produce le notizie.

La Maison des journalistes, l’associazione francese che offre un rifugio ai giornalisti esiliati, comunica i risultati del lavoro svolto nel 2013. Sono 23, di cui 6 donne, i reporter che ha accolto e che dopo alcuni mesi di ospitalità hanno lasciato la casa parigina. La maggior parte sono siriani e iraniani.