Posts In Category

Libertà di stampa

Il 14 febbraio 2011, nel giorno di San Valentino, il Bahrain affrontava la grande rivoluzione. Nella notte tra il 16 e 17 febbraio, il governo attaccava Pearl Roundabout, seminando morti e feriti tra i giovanissimi manifestanti. Oggi, nel 2018, settimo anniversario della rivoluzione, scontri continui da giorni, senza sosta. Di fronte, i ragazzi sh’ia e le forze dell’ordine. Con feriti …

«Non ci si rende conto che  la situazione internazionale è molto seria: in Italia, soltanto due testate giornalistiche seguono l’ICAN e la Rete Disarmo Nucleare, e sono Avvenire e il manifesto». A parlare è Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Italiana Disarmo. «L’indifferenza è massima: ci ignorano, tranne in queste occasioni». E l’occasione è anche l’esposizione di un Lance, un missile nucleare …

Carlos Dominguez è la prima vittima di quest’anno tra i professionisti dell’informazione: giornalista specializzato in informazione politica, è stato assassinato con 21 pugnalate mentre era al volante della sua auto, lo scorso 13 gennaio nel centro di Nuevo Laredo, in Messico, molto vicino al confine con gli Stati Uniti. Giornalista indipendente, aveva lavorato fino a pochi mesi fa per El …

Il giorno di Natale del 2017, il Bahrain ha emesso 6 sentenze di morte. L’accusa: terrorismo. Per aver tentato di assassinare il Capo della Forza di Difesa del Bahrain, diciotto uomini in tutto sono stati condannati alla pena capitale; otto sono latitanti nel Golfo Persico. Si tratta di un atto gravissimo e intimidatorio contro tutti gli oppositori del governo. Risale …

Tunisi – La strada che dall’aeroporto conduce al centro città è drappeggiata ai lati da due bandiere, entrambe rosse, simili ma differenti: quella tunisina e quella turca.  L’occasione è la visita di due giorni, il 26 e 27 dicembre, del presidente turco Recep Tayyp Erdogan al suo omologo Beji Caid Essebsi. Un incontro che ha creato anche proteste; alcune organizzazioni  hanno …

I bilanci di fine anno non sono mai positivi, quando a pagare sono i giornalisti e la libertà di stampa. E soprattutto quando i giornalisti pagano con la vita. Il Comitato di protezione dei giornalisti (CPJ) pubblica in sei lingue il suo ultimo report annuale, completo di data base globale e per Paese. Il metodo di ricerca utilizzato considera oggetto …

Anche il 2017, come il precedente, si conferma un anno nero per i giornalisti. Secondo un censimento del CPJ, il Committee to Protect Journalists, per il secondo anno consecutivo, il numero di giornalisti imprigionati per il loro lavoro ha raggiunto un livello storico. CPJ ha infatti censito (al 1° dicembre 2017) 262 rappresentanti della categoria dietro le sbarre di tutto …