Posts In Category

Babelmed

Raoul Cyril Humpert è giovane e sprizza energia e voglia di vivere. Lavora per l’Università di Stoccarda in collaborazione con l’Università del Cairo, ed è un cittadino del mondo. Qui a Tunisi, per un programma chiamato CCP (Cross Cultural Project), finanziato dall’IFA (Institute for Foreign Affairs), istituto che fa parte del Ministero degli Esteri tedesco, coordina un progetto interessante: Le …

Incontro Luce Lacquaniti nella piazza principale di una Tunisi ancora assolata. Laureata in Lingue e civiltà orientali, ha soggiornato in diversi paesi arabi (Siria, Egitto, Palestina) e a Tunisi è di casa. Diplomata alla scuola romana di fumetti, disegnatrice, fotografa, interprete, Luce è autrice del volume I Muri di Tunisi (edizioni Exorma), volume che ha presentato anche in uno spazio culturale nella …

Non temono né fatwe, né di essere messi al bando, né le campagne diffamatorie che i loro scritti potevano attirare in alcuni ambienti dell’Algeria ostili al libero pensiero. Chawki Amari (nato nel 1964) e Kamel Daoud (nato nel 1970) scrittori e giornalisti, hanno scelto entrambi, contro ogni previsione, di farsi prendere dalle parole per stare al mondo. Hanno visto i …

Se sei un documentarista e stai lavorando su un film impegnato dal punto di vista socio-politico che comprende filmati prodotti in modo originale da citizen journalists o attivisti dei media, puoi partecipare a The Residency, il nuovo programma lanciato dalla Dox Box Association. Dox Box è un’organizzazione non-profit con sede a Berlino, fondata nel 2008 e nata dal Dox Box …

Su iniziativa di Mediapart, molti media europei, tra cui Babelmed, ONG e associazioni, per tutta l’estate partecipano a un’operazione speciale per riportare meglio il dramma dei migranti e collegare le molteplici iniziative di solidarietà che stanno emergendo in tutta Europa. Lo scopo dell’operazione “Ouvrez l’Europe #OpenEurope” è di raccontare, dalla Turchia, al Regno Unito, dalla Spagna alla Scandinavia, passando per …

Il libro Foulards e imeni, perché il Medio Oriente deve fare la sua rivoluzione sessuale (edito da Belfond, disponibile in lingua francese) è un’invettiva come ce ne sono poche nel mondo arabo e mussulmano, e tanto meno fatte da una donna. La sua autrice, Mona Eltahawy, giornalista egiziana-americana, è nata in Egitto, paese che ha lasciato all’età di sette anni. …

Hanno tra i 20 e i 27 anni, vivono in Francia nella regione Paca, sono giornalisti o stanno per diventarlo. Per lo più si occupano di citizen media e gestiscono un blog. Si sono presentati al concorso Jjem (Giovani giornalisti del Mediterraneo) lanciato da Babelmed e da Radio Grenouille e sono stati selezionati. Tra i preparativi, prima della partenza, hanno …