Home»Professione giornalista»Arriva il Testo unico dei doveri del giornalista

Arriva il Testo unico dei doveri del giornalista

0
Shares
Pinterest Google+

giornalisti-590x340Entra in vigore, il 3 febbraio, il nuovo “Testo unico dei doveri del giornalista”, il documento appena approvato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti che unifica le Carte deontologiche alle quali devono attenersi i giornalisti italiani.

«Il Testo unico dei doveri del giornalista – spiega l’Odg nazionale – nasce dall’esigenza di armonizzare i precedenti documenti deontologici per consentire una maggiore chiarezza di interpretazione e facilitare l’applicazione di tutte le norme, la cui inosservanza può determinare la responsabilità disciplinare dell’iscritto all’Ordine». Uno strumento per lavorare meglio, insomma, e fare ordine tra documenti elaborati in epoche diverse, che hanno segnato in qualche modo decenni di evoluzione della deontologia e dell’etica del giornalismo.

Il Testo appena approvato dal Cnog riassume e sostituisce più documenti deontologici. I vari articoli toccano i temi della libertà di informazione e critica, l’identità personale e il diritto all’oblio, i doveri nei confronti dei minori e dei soggetti deboli, i doveri informativi riguardo agli stranieri, la cronaca giudiziaria e i processi in tv, il dovere di rettifica e rispetto delle fonti, gli obblighi in tema di pubblicità e sondaggi, i doveri in tema di informazione economica e sportiva, la solidarietà fra colleghi e l’equa retribuzione.

La Carta di Firenze, sulla solidarietà fra colleghi e l’equa retribuzione, ma anche la Carta di Treviso (minori), il Codice di deontologia sulla protezione dei dati personali e la Carta dei doveri dell’informazione economica, sono stati riportati in modo integrale.

testo unicoIl Testo unico riassume anche altri documenti deontologici: la Carta dei doveri del giornalista; la Carta dei doveri del giornalista degli uffici stampa; la Carta di Milano; la Carta di Perugia; la Carta di Roma; la Carta con gli obblighi del giornalista in merito alla pubblicità; la Carta su informazione e sondaggi; il Codice in materia di rappresentazione delle vicende giudiziarie in televisione; il Decalogo del giornalista sportivo.

Inoltre, il documento contiene un glossario sui termini giuridicamente appropriati riguardo a richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti.

Previous post

Se il giornalismo è lento

Next post

Un'italiana a Tunisi