Home»Professione giornalista»A Torino, nasce il centro per la fotografia

A Torino, nasce il centro per la fotografia

0
Shares
Pinterest Google+
Red-Series-2-1920x1289
Boris Mikhailov, Senza titolo, dalla serie Red, 1968–75. © Boris Mikhailov

Uno spazio espositivo. Un osservatorio sulla fotografia nazionale e internazionale. Una piattaforma di incontro e ricerca.

Si tratta di Camera, il Centro Italiano per la Fotografia che aprirà al pubblico il 1° ottobre 2015, istituendo in Italia una struttura per accedere alla fotografia nazionale e internazionale attraverso un dialogo aperto con artisti e istituzioni.

“Mediante studi, sperimentazioni e attività dedicate alla fotografia, l’offerta culturale di Camera vuole stimolare il confronto, suscitare domande e approfondire il racconto della realtà attraverso le immagini. Il linguaggio della fotografia sarà studiato in ogni sua forma in modo trasversale e i risultati messi in mostra senza eccezioni di genere o funzione”, si legge nella presentazione.

E sarà nel pieno centro di Torino, in via Delle Rosine 18, a pochi passi dalla Mole Antonelliana.

Il calendario del nuovo centro per la fotografia è già ricchissimo: ogni anno proporrà tre esposizioni principali e una serie di cinque o sei mostre complementari.

Organizzerà e accoglierà mostre antologiche di artisti affermati, collettive tematiche, così come progetti che investigheranno le più recenti ricerche dei giovani fotografi. Ampio spazio sarà dato all’approfondimento della fotografia anonima, familiare e d’archivio. Verranno affrontati i differenti generi e le diverse pratiche della fotografia, con mostre prodotte o co-prodotte da Camera in associazione con altre istituzioni italiane e internazionali.

Camera inaugurerà con la mostra retrospettiva dell’ucraino Boris Mikhailov (fino al 10 gennaio 2016), una delle più ampie mai realizzate sull’artista, con oltre 300 opere e una selezione di pubblicazioni e altri elementi, declinata attorno a un tema fondamentale della sua ricerca artistica: l’Ucraina, terra d’origine dell’autore. E il mese di ottobre vedrà anche l’avvio di una serie di workshop volti ad approfondire la documentazione e la narrazione fotografica e il processo creativo di un reporter.

Informazioni per le visite:
Centro Italiano per la Fotografia, via delle Rosine 18 (Torino)
Orari di apertura: lunedì 11.00 – 19.00, martedì chiuso, mercoledì 11.00 – 19.00, giovedì 11.00 – 21.00, venerdì 11.00 – 19.00, sabato 11.00 – 19.00, domenica 11.00 – 19.00
Biglietti: intero 8 euro, ridotto (fino a 26 anni, over 65, e possessori Abbonamento Musei Torino Piemonte) 5 euro, gratuito per bambini fino a 12 anni.

http://camera.to

Previous post

Io non taccio, storie di giornalismo e intimidazioni

Next post

Greenpeace tra inchiesta e attivismo